Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Batterie delle sigarette elettroniche per ricaricare i droni kamikaze, l'ultima idea di Kiev per abbattere i costi

In tutto il paese gli ucraini hanno lanciato iniziative rivoluzionarie e originali per sostenere il loro esercito e, soprattutto, per realizzare armi non convenzionali e a basso prezzo

Batterie delle sigarette elettroniche per ricaricare i droni kamikaze, l'ultima idea di Kiev per abbattere i costi
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Luglio 2022, 17:04 - Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 08:58

Anche le sigarette elettroniche diventano armi da utilizzare per contrastare l'avanzata russa in Ucraina. O Meglio: le vere armi sono le batterie dei dispositivi, che stanno diventando preziosissime per ricaricare i droni carichi di esplosivo che vengono inviati oltre il confine russo e sono in grado di eludere i sistemi di difesa. In tutto il paese gli ucraini hanno lanciato iniziative rivoluzionarie e originali per sostenere il loro esercito e, soprattutto, per realizzare armi non convenzionali e a basso prezzo.

Russi usano vecchi missili antinave per attacchi a terra

Ucraina, droni kamikaze per combattere i russi: così Kiev passa al contrattacco

Armi a basso prezzo

A lanciare l'idea di utilizzare le sigarette elettroniche è Maksym Sheremet, ingegnere a capo della "Drone Lab". Il suo team di volontari ha allestito fuori dai campus e dai dormitori del Politecnico di Kiev, dove Sheremet studia e insegna, dei punti di raccolta di sigarette elettroniche usa e getta. L'obiettivo è recuperarne le batterie ai polimeri di litio, poi utilizzate per alimentare i sistemi di trasporto e di rilascio collegati ai droni in modo che possano portare e far cadere qualsiasi cosa, dalle forniture mediche alle granate. I sistemi sono costruiti utilizzando stampanti 3D. «Abbiamo iniziato a raccogliere sigarette elettroniche dopo che il prezzo delle batterie al litio è aumentato», ha detto il 26enne a The Independent, parlando dal suo laboratorio - che si trova in un luogo nascosto di Kiev - disseminato di droni in costruzione e stampanti 3D.

 

Il riciclo

Dall'inizio della guerra gli articoli importati sono diventati sempre più difficili da reperire e costosi. «Le batterie al litio costavano un dollaro l'una, ma il prezzo è aumentato di cinque volte - ha aggiunto Sheremet - Così abbiamo iniziato ad alimentare i sistemi di rilascio dei droni con le batterie delle sigarette elettroniche usa e getta. È un progetto gratuito, facile da realizzare e rispettoso dell'ambiente, perché stiamo riciclando». Nel laboratorio lavora un team di circa 60 volontari e 30 di loro si occupano del progetto collegato alle sigarette elettroniche. In quattro mesi hanno costruito 4.000 sistemi di lancio, che costano meno di 30 dollari e sono stati inviati al fronte. Stanno anche costruendo nuovi droni utilizzando le stampanti 3D e riciclando quelli usurati. Tre settimane fa hanno iniziato a lavorare con le batterie delle sigarette elettroniche. «Negli ultimi 20 giorni, abbiamo realizzato 100 sistemi di lancio di droni utilizzando batterie di sigarette elettroniche e ne abbiamo altri 100 in produzione - ha aggiunto l'ingegnere - Abbiamo 2.000 ordini in cantiere».


L'esercito ucraino ha ripetutamente chiesto altre armi alle potenze occidentali, mentre la Russia prosegue con una feroce offensiva nell'est del paese. A giugno, i funzionari dell'intelligence militare ucraina hanno affermato che Mosca ha fino a 15 volte più artiglieria dell'Ucraina. I droni "kamikaze" sono quindi diventati cruciali nella battaglia. Alcuni dispositivi vengono utilizzati per trasportare forniture mediche ai soldati in difficoltà. All'inizio della guerra, il ministero della Difesa ucraino aveva esortato i proprietari di droni a consegnare i macchinari ai militari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA