Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russi usano vecchi missili antinave per attacchi a terra. L'intelligence: «Esaurite armi più moderne»

«Ciò aumenta notevolmente la probabilità di danni collaterali quando si prendono di mira aree edificate»

Russi usano vecchi missili antinave per attacchi a terra. L'intelligence: «Esaurite armi più moderne»
2 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 12:28 - Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 08:58

Quando non si hanno a disposizioni armi di ultima generazione, bisogna ricorrere anche a quelle di vecchia data. Lo sanno bene i russi, che secondo i report dell'intelligence britannica hanno usato un missile antinave Kh-32 per colpire il centro commerciale di Kremenchuk il 27 giugno. «Le forze russe continuano a compiere parziali progressi intorno a Lysychansk, con attacchi aerei e di artiglieria che continuano contro bersagli nel distretto - si legge nel report britannico -. Le forze ucraine continuano verosimilmente a bloccare le forze russe nella periferia sudorientale della città». 

Ucraina, droni kamikaze per combattere i russi: così Kiev passa al contrattacco

I rischi dei vecchi missili

«La Russia - spiega il ministero della Difesa di Londra - continua ad impiegare missili anti-nave probabilmente a causa della diminuzione delle scorte di armi moderne più accurate. L'analisi dei filmati delle telecamere a circuito chiuso mostra che il missile che ha colpito il centro commerciale di Kremenchuk il 27 giugno 2022 era molto probabilmente un Kh-32. Si tratta - prosegue - di una versione aggiornata del Kh-22 sovietico. Sebbene il Kh-32 abbia per molti aspetti migliorato le prestazioni rispetto al Kh-22, non è ancora ottimizzato per colpire con precisione bersagli a terra, specialmente in un ambiente urbano. Ciò aumenta notevolmente la probabilità di danni collaterali quando si prendono di mira aree edificate. Altri attacchi compiuti il 30 giugno 2022 nell'Oblast di Odessa - conclude - hanno probabilmente coinvolto missili Kh-22. Queste armi sono ancora meno precise e inadatte agli attacchi di precisione e hanno quasi sicuramente causato ripetutamente vittime civili nelle ultime settimane».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA