Torturano e uccidono la migliore amica perché «troppo attraente»: fermate due ragazze di 16 anni

Venerdì 19 Luglio 2019 di Alix Amer

Due ragazzine di 16 anni sono sospettate di aver ucciso e torturato la loro migliore amica perché era «troppo attraente». Il corpo sfigurato di Viktoria (Vika) Averina, 17 anni, è stato ritrovato in un cantiere abbandonato dopo essere stata torturata, strangolata e fatta a pezzi con del vetro rotto. La polizia crede che sia stata “crudelmente torturata” prima di essere strangolata a morte nella città russa di Arkhangelsk.
«La sua faccia era stata strappata con quei pezzi di vetro», hanno detto gli agenti intervenuti. Gli investigatori inizialmente credevano che si trattasse di un “maniaco” di sesso maschile per la brutalità utilizzata, ma ora due ex compagne di scuola, entrambe 16enni, sono stati fermate con l’accusa di omicidio.

Sedicenne ucciso a Zocca: condanna a 14 anni e 8 mesi all'assassino, suo coetaneo
Londra violenta, accoltellato a morte un altro 18enne

La coppia, chiamata solo con il nome di Lina e Irina, avrebbe confessato di aver ucciso la loro amica. Un investigatore ha detto: «Secondo le ragazze, la vittima pensava di essere più bella delle sue amiche. Durante l’interrogatorio è emerso che non sopportavano più questo comportamento». Le ragazze hanno detto che Vika - che studiava al college come chef - era «arrogante per via del suo viso luminoso e attraente». Sempre l’investigatore ha proseguito: «Tutte e tre le amiche provengono da famiglie socialmente normali».
Le due sospettate avevano usato un finto pretesto per persuadere Vika ad andare in un cantiere dove poi è avvenuta l’aggressione e l’omicidio.
 

 

Una delle presunte assassine teneva ferma Vika mentre l’altra “colpiva la vittima”, secondo una prima ricostruzione. Hanno “rotto una bottiglia contro la testa della vittima” e “hanno tagliato la sua faccia con il vetro rotto, e poi l’hanno strangolata”. Sono tornate a casa dopo l’omicidio, quando hanno saputo del ritrovamento del corpo “sono entrate in confusione”.
Un amico ha detto ai media locali che: «Vika era una bella ragazza, ma non avremmo mai pensato che fosse un motivo di astio fino all’omicidio».
I rapporti della polizia hanno anche detto che poco prima di essere uccisa, la giovane aveva mandato un messaggio ad un amico che le chiedeva di ricaricare il cellulare perché voleva chiamare con urgenza sua madre e non aveva abbastanza soldi sul telefono. Le ragazze erano state a scuola insieme, poi Vika era partita per iniziare un corso universitario come chef. Ora le due sospettate rischiano fino a 15 anni di carcere se condannate.

Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma