Talebani, lo scrittore Hosseini: «Ho il cuore in frantumi, non torni l'Afghanistan che racconto nei miei libri»

Talebani, lo scrittore Hosseini: «Ho il cuore in frantumi, non torni l'Afghanistan che racconto nei miei libri»
2 Minuti di Lettura
Martedì 17 Agosto 2021, 17:46

«Sono disperato per quello che vedo succedere nel mio Afghanistan. Speravo che le storie raccontate nei miei libri raccontassero un Afghanistan del passato, invece temo che tornino storie di attualità. Erano storie degli anni novanta. Spero che i talebani capiscano che proprio le donne possano aiutare il Paese». Lo scrittore Khaled Hosseini, autore del best seller "Il cacciatore di aquiloni", parla a Rainews da Los Angeles proprio mentre si tiene la conferenza dei talebani tornati al potere a Kabul. 

Afghanistan, l'attivista e le atrocità dei talebani: «Cercano noi donne casa per casa»

«Questi talebani - ha aggiunto - trovano un Paese completamente cambiato rispetto a quello che c'era quando c'erano loro al potere. Ho il cuore in frantumi: ho tanti amici, spero che si aprano le frontiere e che la comunità internazionale non lasci sole soprattutto le donne e le ragazze, come capitò negli anni 90 dopo la fuga dei sovietici. Da gennaio sono centinaia di migliaia le vittime della violenza dell'avanzata dei talebani: dico ora non voltate le spalle a chi lascia il paese e a chi resta».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA