Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spagna invia armi pesanti all'Ucraina: missili antierei e carri armati Leopard. Ecco la svolta di Madrid

I soldati di Kiev saranno addestrati in Lettonia, dove ci sono 500 militari spagnoli

Spagna invia armi pesanti all'Ucraina: missili antierei e carri armati Leopard. La svolta di Madrid
3 Minuti di Lettura
Domenica 5 Giugno 2022, 11:29 - Ultimo aggiornamento: 6 Giugno, 16:18

La Spagna è pronta a fornire armi pesanti all'Ucraina. Se finora ha inviato munizioni, dispositivi di protezione personale e armi leggere (lanciagranate e mitragliatrici C-90), ora si appresta a fornire armamenti pesanti, con missili antiaerei e carri armati Leopard, oltre ad addestrare i militari ucraini affinché possano utilizzarli. Il Ministero della Difesa sta già ultimando la consegna a Kiev di una batteria di missili antiaerei a bassa quota Shorad Aspide, che l'esercito spagnolo ha sostituito con un sistema più avanzato. La spedizione di questo materiale, prodotto dall'azienda missilistica europea MBDA, è in attesa della conclusione dei negoziati attraverso una cellula di Stoccarda (Germania), responsabile del coordinamento degli aiuti militari all'Ucraina per evitare la carenza di alcune attrezzature e la duplicazione di altre.

Diretta guerra tra Ucraina e Russia, diverse esplosioni hanno colpito la capitale Kiev

 

Spagna invia all'Ucraina carri armati Leopard

Il governo spagnolo è anche pronto a consegnare all'Ucraina i carri armati Leopard A4, che giacciono inattivi da un decennio nella base logistica dell'esercito a Saragozza. Questi carri armati fanno parte di un lotto di 108 unità di seconda mano che la Germania ha venduto alla Spagna nel 1995, come premessa al contratto di produzione dei Leopard in Spagna. L'intenzione della Difesa era quella di convertirli in serbatoi di recupero per gli ingegneri ma, a causa della mancanza di budget, ha optato per deumidificarli (rimuovendo batterie, oli e qualsiasi altro elemento che potesse deteriorarli) e lasciarli in deposito in attesa della disponibilità di fondi futuri. Fonti della Difesa stimano che circa 40 carri armati potrebbero essere ristrutturati e consegnati all'esercito ucraino, ma avvertono che ciò richiederebbe una revisione da parte di un'industria che è riluttante a intraprendere questo tipo di lavoro in un momento in cui gli ordini si stanno riversando a causa dell'aumento generale delle spese militari in Europa.

L'addestramento in Lettonia

La Spagna ha offerto all'Ucraina di addestrare il proprio personale militare al funzionamento di questi carri armati. L'addestramento, secondo le fonti consultate, si svolgerà inizialmente in Lettonia, dove l'esercito spagnolo ha schierato un contingente di 500 soldati con sei carri armati Leopard 2E, nell'ambito dell'operazione Enhanced Forward Presence (EFP) della NATO. In una seconda fase, l'addestramento dei carristi ucraini avverrà in territorio spagnolo, aggiungono le stesse fonti. Questo programma accelererebbe i piani dell'esercito di Kiev di dotarsi di carri armati potenti per affrontare i moderni T-90 russi, dato che attualmente ha solo un centro in Germania per addestrarsi al loro uso.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA