Cade dalla scala durante la tempesta Ciara e viene sbranato dai suoi 5 cani rottweiler

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Alix Amer
3
Cade dalla scala durante la tempesta Ciara e viene sbranato dai suoi 5 rottweiler

Un uomo è stato sbranato dai suoi cinque cani rottweiler dopo essere caduto giù da una scala durante la tempesta Ciara. I soccorritori non sono stati in grado di salvare il 69enne: «I cani ci hanno impedito di avvicinarci», hanno riferito. L’incidente è avvenuto nella città di Acqueville, nel dipartimento del Calvados, nella regione nord-occidentale della Normandia, in Francia.

Cerca di salvare il vicino aggredito da due pitbull, ma lo uccide con la balestra

Il cane ucciso e gettato come immondizia: choc in Calabria

L’uomo domenica scorsa è caduto dalla sua scala intorno alle 18, in Avenue du Chateau in quei giorni la tempesta Ciara stava colpendo il paese (con venti forti e danni ingenti, con chiusura della Tour Eiffel e circa 130 mila persone senza energia elettrica). Sul posto sono intervenuti i pompieri chiamati dalla moglie della vittima.

Ma quando sono arrivati alle 20.45, si sono trovati faccia a faccia con cinque i rottweiler «molto minacciosi» che hanno impedito loro di avvicinarsi all’uomo, secondo una fonte della polizia citata dai media locali. Lo stesso portavoce della polizia ha anche affermato che i cani avevano «inflitto ferite profonde alla faccia del padrone».

Hanno spiegato che queste lesioni si sono verificate pochi secondi dopo la sua caduta. Dopo l’impossibilità di avvicinarsi da parte dei vigili del fuoco è stata chiamata ad intervenire una unità di polizia specializzata, ma anche loro non sono riusciti a controllare i rottweiler, «quindi fu dato l’ordine di sparare a tre dei cani più aggressivi in modo che potesse essere salvato», spiegano i giornali del posto. Gli altri due animali sono stati portati all’interno della casa dalla moglie della vittima. La donna è stata portata in ospedale in stato di choc, ma fortunatamente illesa. Mentre l’uomo è deceduto poco dopo, è in corso un’autopsia per determinare la causa esatta della morte.
 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi