Libia, Al Arabiya: «Haftar parteciperà domenica al vertice di Berlino»

Martedì 14 Gennaio 2020
Conte incontra al Sisi

A Mosca ancora ci credono, o almeno ci sperano: Khalifa Haftar si sarebbe preso altri due giorni di riflessione per discutere con i suoi, prima di firmare eventualmente l'intesa su una tregua in Libia, già siglata dai suoi rivali, il governo di Tripoli di Fayez al-Sarraj. Resta il fatto che per ora il generale di Bengasi se ne è andato dalla capitale russa senza mettere il suo nome sul foglio che avrebbe dovuto sancire un cessate il fuoco duraturo nel Paese. E questo nonostante la pressione esercitata nei suoi confronti da parte del presidente russo Vladimir Putin, diventato negli ultimi tempi uno dei suoi principali sostenitori militari, politici e finanziari. 

LEGGI ANCHE Noi e Tripoli/L’occasione persa e quella da cogliere per l’Italia - di Vittorio Parsi

Una situazione apparsa come uno smacco diplomatico per Mosca. Al Cremlino avrebbero voluto vedere risolta la situazione e invece si ritrovano a fare i conti con la riottosità di Haftar. C'è dunque tutto l'interesse ad alimentare la versione di una tregua che regge ancora «a durata indeterminata», in attesa di una parola definitiva da parte del generale libico.

Una ricostruzione accreditata anche dalla Turchia, altro sponsor del cessate il fuoco, che invece appoggia Sarraj. La tregua «è in gran parte applicata sul terreno», assicurano da Ankara, dove però il presidente Recep Tayyip Erdogan ammonisce la fazione rivale a quella del suo protetto: se il generale Haftar dovesse riprendere i suoi attacchi, minaccia, gli «infliggeremo una lezione». Alla luce di questi ultimi sviluppi assume potenzialmente un peso maggiore la conferenza di Berlino che punta a far sedere allo stesso tavolo tutti gli attori coinvolti nel conflitto. 

L'appuntamento rischiava di essere depotenziato e superato dagli eventi in caso di un successo immediato dell'azione diplomatica turco-russa. Ma anche se Haftar non dovesse cambiare atteggiamento, rilevano da Ankara, il summit «non avrà senso». Dalla capitale tedesca, in ogni caso, hanno confermato di avere fissato la data per domenica 19 gennaio e diramato gli inviti alle cancellerie di Italia, Francia, Gran Bretagna, Usa, Russia, Cina, Emirati arabi, Turchia, Repubblica del Congo, Egitto, Algeria, Onu, Ue, Unione africana e Lega araba. Resta da vedere se a Berlino arriveranno anche Sarraj e Haftar, dopo l'incontro tra i due sfumato a Roma e poi a Mosca. Secondo la tv al Arabiya, che cita fonti arabe, il generale ci sarà.

Ma l'uomo forte della Cirenaica ha abituato tutti ad annunci e smentite a ripetizione e fino a domenica la strada è ancora lunga. In vista dell'appuntamento nella capitale tedesca, si fa sempre più strada l'ipotesi di una forza di interposizione Ue sotto l'egida delle Nazioni Unite. Con l'Italia che si dice pronta a inviare altri soldati nel Paese. «Non escludiamo affatto la possibilità - annuncia il premier Giuseppe Conte dal Cairo -, ne discuteremo a Berlino e se ci saranno le premesse l'Italia è disponibile. Ma non manderemo uno solo dei nostri ragazzi se non in un contesto di sicurezza e con un mandato chiaro».

Roma, insomma, parteciperebbe soltanto a un'eventuale operazione di 'peace monitoring', un monitoraggio del cessate il fuoco. «L'Italia - precisa Conte - sta lavorando perché a parlare sia la diplomazia e tacciano le armi». Il presidente del Consiglio, dopo la sua visita in Turchia di lunedì, è stato nella capitale egiziana per discutere della situazione libica con il presidente Abdel Fattah al-Sisi, sostenitore di Haftar. Nei prossimi giorni proseguirà il suo tour diplomatico con una missione ad Algeri, in programma giovedì. Intanto continuano ad intrecciarsi a ritmo serrato gli incontri e i colloqui per cercare un'uscita dal labirinto libico.

 Dopo i colloqui falliti a Mosca, Sarraj è andato nuovamente a Istanbul per fare il punto della situazione con Erdogan, mentre Putin e la cancelliera tedesca Angela Merkel si sono sentiti al telefono per preparare la conferenza del 19. Sul terreno, intanto, si rincorrono voci non confermate di schermaglie, anche se la tregua sostanzialmente sembra tenere. L'Osservatorio siriano per i diritti umani parla di almeno 14 mercenari siriani cooptati dalla Turchia per sostenere Sarraj rimasti uccisi negli scontri. Mentre fonti legate al premier libico riferiscono di veicoli militari e cannoni degli Emirati Arabi Uniti che sarebbero arrivati nel quartier generale di Haftar per un possibile nuovo assalto a Tripoli.
 

Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 08:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma