CORONAVIRUS

Greta Thunberg dona 100mila euro al progetto vaccini per i Paesi poveri

Martedì 20 Aprile 2021
2
Greta Thunberg dona 100mila euro al progetto vaccini per i Paesi poveri

L'attivista svedese per il clima Greta Thunberg ha esortato i governi, le case farmaceutiche e i laboratori di ricerca che stanno sviluppando i vaccini a "intensificare il loro sforzo" per combattere l'ineguaglianza dopo che i paesi più ricchi si sono impossessati della maggior parte delle dosi di vaccino anti Covid mentre quelli nelle nazioni più povere sono scomparsi. L'adolescente che ha ispirato il movimento per il cambiamento climatico "Fridays for Future" ha donato 100.000 euro dalla sua fondazione al programma Covax per l'accesso globale alle dosi contro il Covid-19.

 

La donazione sosterrà l'acquisto di vaccini destinati alle popolazioni più vulnerabili e agli operatori sanitari in alcuni dei Paesi più poveri del mondo. «La comunità internazionale deve fare di più per affrontare la tragedia che è la disuguaglianza dei vaccini - ha detto Thunberg -. Abbiamo i mezzi a nostra disposizione per correggere il grande squilibrio che esiste oggi nel mondo nella lotta contro il Covid-19. Proprio come con la crisi climatica, dobbiamo prima aiutare i più vulnerabili». Covax, ha aggiunto, «offre il percorso migliore per garantire una vera equità del vaccino e una via d'uscita dalla pandemia». 

Video

Disha Ravi, da Bangalore a Mumbai esplode la protesta per l'arresto della Greta Thunberg indiana

 «Non è assolutamente etico che i paesi ad alto reddito ora vaccinino persone giovani e sane se ciò accade a scapito delle persone in gruppi a rischio e in prima linea nei paesi a basso e medio reddito», ha detto Thunberg. Mentre Thunberg ha salutato lo sviluppo dei vaccini Covid in "tempo record", ha citato le stime che 1 persona su 4 nei paesi ad alto reddito li ha ricevuti finora, mentre solo 1 su 500 nei paesi a reddito medio e basso lo ha fatto. «La comunità internazionale, i governi e gli sviluppatori di vaccini devono intensificare il loro impegno e affrontare la tragedia che è l'ineguaglianza dei vaccini», ha detto. «roprio con la crisi climatica, coloro che sono i più vulnerabili devono avere la priorità e  problemi globali richiedono soluzioni globali».

«Il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che i nuovi casi di Covid sono aumentati per l'ottava settimana consecutiva in tutto il mondo e le morti sono aumentate per la quinta settimana consecutiva. Ha detto che le infezioni tra le persone dai 25 ai 59 anni stanno «aumentando a un ritmo allarmante, probabilmente a causa di varianti altamente contagiose e di una maggiore mescolanza sociale tra i giovani adulti». Più di 3 milioni di pazienti sono morti a causa della pandemia e oltre 141 milioni sono stati infettati, secondo un conteggio della Johns Hopkins University, ma gli esperti dicono che entrambi i numeri sottostimano il vero bilancio della pandemia. 

Ultimo aggiornamento: 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA