CORONAVIRUS

Coronavirus, in Cina le aziende in difficoltà si scambiano i dipendenti

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Coronavirus, in Cina le aziende in difficoltà si scambiano i dipendenti

Cambia il mercato del lavoro in Cina a causa del coronavirus. Fresh Hema, un ramo del colosso cinese dell'e-commerce Alibaba dedicato alla vendita e alla consegna di prodotti alimentari freschi, ha lanciato l'idea di «condividere i dipendenti» con i ristoranti e le aziende di ride-sharing (condivisione di una corsa su una vettura con conducente), in crisi a causa del virus che ha spinto sempre più persone a restare a casa e a optare per lo shopping online.

Coronavirus, sui social l'ira dei cinesi contro l'Italia: «Bloccate i voli? Non torneremo più»

A partire da ieri, oltre 1.800 lavoratori sono stati assunti a tempo determinato come fattorini da Fresh Hema. Tra i loro «precedenti» datori di lavoro figurano 32 aziende di catering, società di ride-sharing, centri commerciali, hotel e cinema che si trovano ad affrontare una forte flessione del numero dei clienti. Secondo Jia Guolong, direttore della società di catering Xibei, gli ordini da asporto non superano il 10% della media precedente e oltre 20.000 lavoratori sono ormai disoccupati. I ristoranti dei marchi più popolari possono sopravvivere soltanto tre mesi grazie ai prestiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA