CORONAVIRUS

Corona-party in sicurezza in Slovacchia: ecco come il dj fa rispettare le distanze anti contagio

Lunedì 25 Maggio 2020
Corona-party in sicurezza in Slovacchia: ecco come il dj fa rispettare le distanze anti-contagio

La location del corona-party in versione Slovacchia è quel che è: lo spiazzo polveroso sotto un viadotto autostradale. E anche la consolle del dj è stata precariamente issata su terrapieno con allacci elettrici di fortuna. Ma su una questione non hanno fatto sconti i giovani che hanno partecipato a una delle prime feste post quarantena da coronavirus: la sicurezza. 

 


L'appello delle discoteche: «No alla movida selvaggia, fateci aprire in sicurezza»
Coronavirus. Movida da nord a sud, tutti fuori ma poche multe: sindaci pronti a nuova stretta
Movida senza regole a Roma, niente alcol dopo le 23 contro la ressa in piazza

Ecco allora che lo spazio per ogni ragazzo o ragazza è delimitato da fettucce biancorosse da cantiere che assegnano a ognuno almeno quattro metri quadrati, centimetro quadrato più, centimetro quadrato meno. Insomma un grande senso di responsabilità unito all'arte di arrangiarsi con poco.  A fare i pignoli manca qualche mascherina, ma è già un bel passo avanti rispetto a certi assembramenti da movida registrati in questi giorni.

Ultimo aggiornamento: 20:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani