CORONAVIRUS

Fontana e la movida in Lombardia: «Ben vengano le misure restrittive dei sindaci contro i clienti irresponsabili»

Domenica 24 Maggio 2020
2
Fontana e la movida in Lombardia: «Ben vengano le misure restrittive dei sindaci contro i clienti irresponsabili»

Attilio Fontana, il governatore della Lombardia, chiede ai sindaci di non fare sconti ai clienti irresponsabili che affollano la movida nella fase 2 dell'emergenza coronavirus.

Movida, Gabriele Muccino: «Qui Milano, abbiamo un problema»
​Movida, gli scienziati: fermate la ressa. «Basta assembramenti». I sindaci: chiudiamo tutto
Lombardia, Fontana contro la movida: «Sindaci e prefetti usino massimo rigore». Oggi 441 nuovi casi

«Se ve lo dice un medico che ha combattuto in prima linea, forse comprendete meglio. Uscire non è più un divieto, ma il distanziamento e l'uso della mascherina sono fondamentali. So bene che in realtà tantissimi giovani ed ex giovani si stanno comportando bene. La voglia di divertimento è tanta, ma rispettiamo le regole e pensiamo ai sacrifici a cui ancora sono costretti coloro che non possono andare a trovare i propri figli nipoti o parenti perchè vivono in altre regioni».
 

 

Lo scrive su Facebook il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, postando un articolo di Leggo dal titolo «Coronavirus e movida, l'anestesista milanese: 'Non voglio rivivere gli ultimi tre mesi per colpa dei cretini'».

«Se non ci riuscite - aggiunge il governatore - ben vengano le misure restrittive dei sindaci ai quali ancora una volta chiedo rigore e fermezza, per punire non i gestori dei locali, già penalizzati dal lockdown, ma i clienti che dimostrano poco rispetto anche nei loro confronti. Muoviamoci con responsabilità».

Ultimo aggiornamento: 21:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA