Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Corea del Nord attacca Stati Uniti e Giappone: «Vogliono una Nato asiatica per destabilizzarci»

Corea del Nord attacca Stati Uniti e Giappone: «Vogliono una Nato asiatica per destabilizzarci»
di Cristiana Mangani
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 17:25 - Ultimo aggiornamento: 21:28

L'«intento sinistro» di creare una «versione asiatica della Nato». Kim Jong-Un, leader della Corea del Nord, e contesta un disegno destabilizzante nei confronti di Pyongyang. Le dichiarazioni arrivano a margine del summit della Nato e vengono diffuse dall'agenzia di stampa statale Kcna poche ore prima che Fumio Kishida, il primo ministro giapponese, e Yoon Suk-yeol, il presidente sudcoreano, incontrassero il presidente degli Stati Uniti Joe Biden mentre partecipavano al vertice annuale della Nato, per la prima volta, come osservatori.

Guerra nucleare, Kim Jong-un minaccia la Corea del Sud: armi tattiche lungo il 38° parallelo

L'incontro con Biden

L'incontro con Biden sarà il loro primo vertice trilaterale dal 2017. I tre paesi condurranno anche un'esercitazione combinata di rilevamento e localizzazione di missili vicino alle Hawaii all'inizio di agosto, chiamata Pacific Dragon, mentre stanno intensificando la cooperazione in materia di sicurezza in risposta alla recente ondata di lanci di missili balistici del Nord e alle preoccupazioni che potrebbe condurre un imminente test nucleare.

«Gli Stati Uniti si stanno concentrando sulla cooperazione militare con i loro tirapiedi ignorando la richiesta di sicurezza primaria e le preoccupazioni dei paesi dell'Asia-pacifico - scrive Kcna -. Lo schema per la formazione dell'alleanza militare Usa-Giappone-Corea del Sud, è evidentemente un pericoloso preludio alla creazione della versione asiatica della Nato”. L'agenzia di stampa accusa Washington di alimentare una nuova Guerra fredda. Viene riportato un commento separato di Kim Hyo-myung, un ricercatore presso la Società internazionale per la ricerca politica della Corea del Nord, il quale afferma che la Nato è responsabile della guerra in Ucraina e che ci sono «segni inquietanti» che «le onde nere nel Nord Atlantico possano la calma nel Pacifico».

Corea del Nord, epidemia enterica per 800 famiglie. I sanitari: «Potrebbe essere colera o tifo»

I test missilistici

Pyongyang ha effettuato un record di 31 test missilistici finora quest'anno, tra cui una sospetta arma ipersonica e il suo più grande missile balistico intercontinentale. Prima del viaggio del presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol, un alto funzionario ha anticipato che avrebbe chiesto durante il vertice una risposta urgente alla questione nucleare nordcoreana e che «le provocazioni della Corea del Nord dovrebbero essere gestite con forza» tra le tre nazioni, proprio per spingere Pyongyang al tavolo dei negoziati.

Corea del Nord lancia 8 missili balistici, poi il test nucleare. Gli Usa (con Seul) schierano 20 jet

Gli Stati Uniti hanno anche chiesto a Seoul e Tokyo di lavorare a stretto contatto per contrastare la minaccia alimentata dal leader supremo Kim Jong-un, e la crescente influenza della Cina nella regione indo-pacifica. I due Stati hanno, comunque, difficili relazioni bilaterali a causa delle tensioni storiche e delle controversie legali in corso sull'occupazione giapponese della Corea dal 1910 al 1945. Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha spiegato che il primo incontro dei leader ha come temi centrali missili e programma nucleare della Corea del Nord, e cosa si potrebbe fare economicamente per privare Pyongyang della valuta forte di cui ha bisogno per finanziarlo.

Putin, l'appoggio di Kim: «Sostegno dalla Corea del Nord, mosso da una giusta causa»

© RIPRODUZIONE RISERVATA