Stati Uniti, 7 contee rurali pro Trump sognano l'Idaho: «Secessione, l'Oregon è troppo liberal»

Stati Uniti, 7 contee rurali pro Trump sognano l'Idaho: «Secessione, l'Oregon è troppo liberal»
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Maggio 2021, 14:42 - Ultimo aggiornamento: 14:53

La voglia di secessione negli Stati Uniti non si spegne mai, soprattutto dopo l'ultima tornata elettorale che ha visto Joe Biden prevalere su Donald Trump (una sconfitta che ancora oggi l'ex presidente si rifiuta di riconoscere). In Oregon è in atto una vera e propria rivolta. Sette contee vogliono infatti la secessione dallo stato per aderire al vicino Idaho considerato più in linea con il loro modo di pensare e vivere.

Tassa minima globale, la nuova proposta del Tesoro Usa: 15% per tutte le multinazionali

Addio Oregon - Le sette contee, che hanno votato per Donald Trump nel 2016 e nel 2020, si sono espresse a favore dell'addio dal liberal Oregon che le ha «abbandonate» e dell'adesione al "Greater Idaho" conservatore. La pandemia ha accentuato la voglia di secessione nelle contee rurali dell'Oregon, ma le chance di successo dell'iniziativa sono limitate. Per consentire l'addio serve il via libera delle autorità dell'Oregon, tutte democratiche, e soprattutto del Congresso. Per gli Stati Uniti la voglia di secessione di uno stato o di una parte di questo non è una novità: Il nord di New York assapora l'idea da anni, in California da sempre della possibilità di dividere lo stato in due e il Texas ha caldeggiato l'idea di una secessione dagli Usa.

Morto Damon Weaver, il ragazzino prodigio che a 11 anni intervistò Obama: «Gli cambiò la vita»

© RIPRODUZIONE RISERVATA