Cile, distrutta dalle fiamme Casa Italia, patrimonio storico della comunità tricolore

Lunedì 9 Dicembre 2019
Cile, distrutta dalle fiamme Casa Italia, patrimonio storico della comunità tricolore

Un incendio - le cui cause sono oggetto di indagine - ha distrutto il secondo piano e il tetto della "Casa Italia", una casa del patrimonio a Viña del Mar che nel secolo scorso ha ospitato la grande comunità italiana che si stabilì in Valparaiso. Le violente fiamme hanno mobilitato nove unità dei vigili del fuoco della città turistica, oltre a una di Valparaíso, che per ore ha cercato di salvare la struttura della splendida residenza. La casa fu costruita nel 1916 dalla famiglia Werner e nel 1966 fu acquistata dalla colonia italiana come punto di incontro per la comunità. Fino a 2 anni fa ospitava un istituto professionale e, dopo essere stato abbandonato, veniva abitualmente utilizzato da persone in situazioni di strada, che si presume abbiano iniziato l'incidente.

Il comandante dei pompieri della zona, Gonzalo Román, ha detto alla radio di Bío Bío che le persone che erano all'interno del luogo sono riuscite a scappare all'inizio dell'incendio. «Hanno evacuato la casa una volta che il fuoco è iniziato, non abbiamo potuto intervistarli, non siamo riusciti a entrare in contatto con loro. Ma questa è una casa abbandonata. Secondo piano e tetto totalmente interessati. Evitiamo di diffondere il primo e di avere un collasso», ha detto il volontario. Il lavoro si è prolungato fino alle 6 del mattino per contenere ed estinguere le fiamme, in attesa dello sviluppo delle abilità che chiariranno se il fuoco è stato intenzionale. Il governatore di Valparaíso, Gonzalo Le Dantec, ha dichiarato che «è una delle ipotesi che vengono gestite e fa parte delle indagini su Vigili del fuoco e polizia», ​​la versione secondo cui un gruppo di persone è stato visto fuggire al momento dell'arrivo dei pompieri . Per quanto riguarda ciò che accadrà alla casa, l'autorità provinciale ha dichiarato che "i responsabili dell'immobile sono i proprietari che devono conformarsi alle norme, a tale proposito il Dipartimento dei Lavori comunale deve stabilire cosa verrà fatto una volta che l'indagine è condotta e il livello di danno alla costruzione sarà esposto. " Dal 2017 c'è una lotta da parte della comunità italiana per evitare la demolizione del luogo, come edificio del patrimonio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma