Russia in Ucraina senza i carri armati: nel Donbass arrivano i T-62 usati per l'invasione di Praga nel '68

La Russia ha utilizzato per l'ultima volta i T-62 in combattimento nel 2008 durante la breve guerra in Georgia

Russia senza i carri armati: in Ucraina arrivano i T-62M progettati negli anni 50 (fermi dal 2008)
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Maggio 2022, 11:01 - Ultimo aggiornamento: 16:14

La Russia sta finendo i carri armati in Ucraina. Problemi tecnici, errori strategici, resistenza efficace, sono i motivi che hanno costretto l'esercito a dover richiere l'invio di nuovi tank per l'offensiva a terra nel Donbass (che dopo i problemi iniziali ora sta procedendo positivamente). Ma per rispondere alla richesta, Mosca ha dovuto mettere mano ad alcuni dei suoi modelli più datati, gli storici T-62M, progettati nel 1950 come risposta al Chieftain del Regno Unito e l'M60 statunitense, e usati per l'invasione della Cecoslovacchia nel 1968.

Migliaia di esemplari sono stati filmati al confine, sui treni diretti verso l'est dell'Ucraina. La Russia ha dovuto rispoleverarli, togliendoli dai depositi dove si trovavano. Come riporta "Defense Express", la necessità di riportarli in vita è diventata palese a marzo, ma è servito un mese per rimetterli in funzione. 

 

La scheda dei tank T-62M

Alcuni T-62M hanno "festeggiato" i 60 anni d'età. Erano stati messi da parte, ma adesso sono tornati utili. Difficile che i modelli più datati siano stati inviati in Ucraina, mentre è più probabile che i carri armati trasportati in Donbass siano T-62M, modernizzati nel 1983 con miglioramenti della protezione e della mobilità e un nuovo sistema di controllo del fuoco.

I T-62 sono stati ampiamente utilizzati in Afghanistan negli anni 80 e in Cecenia negli anni 90, subendo pesanti perdite: secondo fonti statunitensi, quasi 325 T-62 sono stati persi nella guerra sovietico-afghana. La Russia ha utilizzato per l'ultima volta i T-62 in combattimento nel 2008, durante la breve guerra in Georgia. Nel 2018 decine di T-62 sono stati rinnovati per partecipare all'esercitazione militare Vostok, tenutasi in Siberia e nell'Estremo Oriente russo. 

 

 

Le difficoltà della Russia

I carri armati persi sono diventati simbolo delle difficoltà della Russia in Ucraina. Le foto e i video dei trattori che li trainano sono virali già dalle prime settimane dell'invasione. Mosca ha dovuto mettere mano alle riserve per rifornire l'esercito. Poche settimana fa gli analisti di guerra hanno individuato in Donbass anche il "Terminator", il modello più avanzato tra i carri armati del Cremlino, che inizialmente non era stato sfruttato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA