Bungee jumping, giovane mamma si lancia ma la corda non è legata: muore davanti ai 3 figli

Bungee jumping, giovane mamma si lancia ma la corda non è legata: muore davanti ai 3 figli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Ottobre 2021, 13:35 - Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 11:24

Orrore durante un salto al bungee jumping. Una donna di 33 anni, mamma di tre figli tutti minorenni è morta durante un salto sportivo estremo "a volo libero con la corda". Il filmato straziante mostra Yevgenia Leontyeva, 33 anni, che cammina con calma oltre il bordo del tetto di un hotel a Karaganda, in Kazakistan, ma è precipitata da 25 metri subendo lesioni multiple, dopo che una corda di supporto non era stata adeguatamente fissata a un albero. Nel video si sentono le urla degli spettatori sul tetto, subito dopo quelli sottostanti si precipitano in suo aiuto dopo la spaventosa caduta. Yevgenia, amante dell'avventura, una saltatrice esperta, è stata portata d'urgenza in ospedale dove è stata operata per gravi ferite alla testa, ma è morta poco dopo.

Texas, biplano si schianta contro un cartellone pubblicitario: il decollo è un disastro

Negli attimi prima del lancio si vi vede un uomo che fissa le cinghie dell'imbracatura alla donna mentre si sente un  uomo fuori dalle telecamera gridare "ti amo". Poi subito dopo si sente l'urlo di un'amica che avrebbe dovuto saltare dopo di lei. Una traversa a cui era attaccata la corda - e che avrebbe dovuto interrompere la sua caduta lasciandola sospesa in aria - non è riuscita a reggere o non era stata agganciata bene. La donna si è schiantata sul terreno sottostante ed è stata trascinata per qualche metro prima di sbattere contro un muro. Gli osservatori hanno affermato che il salto è stato autorizzato prima che un organizzatore avesse il tempo di fissare la corda su un albero.

Prima del tragico salto, Yevgenia e la sua amica avevano pubblicato "Vivilo" e "Voleremo". La donna aveva tre ragazzi sotto i 14 anni. Sulla sua morte è stata aperta un'indagine penale e gli organizzatori sono stati accusati di negligenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA