Ministro della Difesa britannico piange: «Non riusciremo a portare via tutti gli afghani»

Ministro della Difesa britannico piange: «Non riusciremo a portare via tutti gli afghani»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Agosto 2021, 12:49 - Ultimo aggiornamento: 17 Agosto, 08:45

Si commuove, non riesce a trattenere le lacrime e piange Ben Wallace, il ministro della Difesa della Gran Bretagna. È consapevole dell'enorme tragedia che si sta consumando in Afghanistan dove i talebani sono tornati al potere. Piange in diretta televisiva perché sa che non si potranno mettere in salvo tutti gli afghani che in questi anni hanno collaborato con loro. Alcune persone «non torneranno». Con la voce rotta dall'emozione Wallace dichiara che Londra non riuscirà probabilmente ad evacuare tutti gli alleati afghani.

Intervistato da Lbc Radio, si è detto «fiducioso» di poter riportare a casa tutti i britannici, ma ha aggiunto che «alcune persone» non riusciranno a partire e «dovremo far del nostro meglio in paesi terzi» per dar loro il visto. Ex militare, Wallace è parso ricacciare indietro le lacrime.

E quando gli è stato chiesto perché, ha risposto: «Sono un soldato, è triste che l'Occidente abbia fatto quello che ha fatto, dobbiamo fare il possibile per portar via la gente e rispettare i nostri obblighi dopo 20 anni di sacrifici». Wallace è intervenuto mentre i parà britannici della 16esima brigata aerea d'assalto sono arrivati a Kabul per garantire il rimpatrio dei britannici e degli afghani che hanno collaborato con loro. Secondo il Guardian, a Kabul sono circa 4mila i britannici e gli afghani che devono partire. Si cercherà di evacuarne oltre mille al giorno. Wallace è l'esponente del governo britannico che è stato più critico del ritiro dall'Afghanistan. La settimana scorsa ha definito un errore la decisione americana di abbandonare il paese.

Afghanistan, dalle origini al nuovo Emirato islamico: chi sono i protagonisti dell'ascesa dei talebani

Video

Afghanistan, tornano i talebani: l'esperienza italiana e la questione delle donne

© RIPRODUZIONE RISERVATA