Federica Panicucci, artista fa causa a conduttrice e compagno: «La mia opera usata su loro marchio di moda»

Martedì 22 Ottobre 2019

Le società di Marco Bacini, compagno della showgirl Federica Panicucci, avrebbero usato l'opera di un artista, chiamata 'Impact Marylin Monroè, riproducendola su t-shirt e felpe in vendita, indossate su Instagram dalla conduttrice, testimonial della linea di abbigliamento, violando il diritto d'autore. Per questi motivi l'artista 34enne 'Julian T', assistito dallo studio Lione Sarli con sede a Milano, ha citato per danni le società B&G Luxury Goods e Just4fun e Panicucci davanti al Tribunale di Torino.

Federica Panicucci extralusso a Milano: a passeggio con la Ferrari insieme al fidanzato
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Good morning #newyork ! #holidays #kids #amazingdays #lovemylife #picby Mattia #tshirt @lets_bubble

Un post condiviso da Federica Panicucci (@federicapanicucci) in data:

Nell'atto di citazione l'avvocato Antonio Lione spiega che l'opera dell'artista, che fa ricorso ad una «particolare modalità di pittura, che consiste in una 'macchià di colore» realizzata con «l'esplosione di vasi di vetro-cristallo contenenti vernice», era stata esposta per la prima volta in una mostra a Milano tra il 2015 e il 2016 e poi riprodotta in numerosi cataloghi e riviste anche all'estero. Nel luglio scorso, però, quando era in corso una trattativa con una società interessata all'utilizzo dell'opera, l'artista, stando all'atto di citazione, si è accorto che «era stata riprodotta, senza il suo consenso, su t-shirts e felpe del marchio 'Let's Bubblè riconducibile alle società B&G Luxury Goods srl e Just4Fun srl». In particolare, il marchio, scrive sempre il legale, «veniva commercializzato» nei negozi, sul sito del marchio stesso e su altri, oltre che sui social network.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Good morning #newyork ! #holidays #kids #amazingdays #lovemylife #picby Mattia #tshirt @lets_bubble

Un post condiviso da Federica Panicucci (@federicapanicucci) in data:

E, si legge ancora nell'atto, «confrontando l'immagine dell'Opera» di 'Julian T' «con le immagini presenti sui prodotti venduti da Let's Bubble emergeva manifestamente l'uguaglianza». Dunque, i legali dell'artista hanno subito presentato una diffida alle società, tanto che «venivano immediatamente rimosse dai siti web, che commercializzavano il brand, gli articoli portanti le immagini dell'Opera». Poi, però, un'ipotesi di «soluzione bonaria» della vicenda sfumava, perché le società, spiega il legale, rinviavano «il tentativo di transazione». Le società, tra l'altro, fa presente l'avvocato, hanno continuato «a sponsorizzare il marchio con le magliette sulla pagina Instagram della Let's Bubble e sulla pagina personale della nota signora Federica Panicucci», anche «influencer» e «socia», nonché testimonial della linea di abbigliamento. Pertanto, conclude l'avvocato, «la rimozione dell'Opera, illegittimamente riprodotta e sfruttata economicamente è avvenuta solo parzialmente, perpetrandosi così l'illecito». Da qui la richiesta di una condanna a carico delle società al risarcimento di 412mila euro e per Panicucci «al pagamento» a favore dell'artista della cifra che il giudice riterrà equa. La causa è stata assegnata al giudice Ludovico Sburlati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma