Condom couture, ecco la moda fatta con i preservativi

Mercoledì 30 Luglio 2014
Adriana Bertini

SAN PAOLO – Il suo nome č Adriana Bertini e di professione fa la “artvist”, come lei stessa ama definirsi, ovvero un’artista e un’attivista. Brasiliana di Porto Alegre, da dieci anni crea abiti e sculture utilizzando i preservativi fallati o scaduti. Tali creazioni, per la bellezza e il valore artistico, sono esposte al Museum of World Culture di Gothenburg, in Svezia.

Un portavoce dell’artista afferma: «Adriana Bertini offre al pubblico una visione differente, poetica, di questo oggetto che soffre di un grande pregiudizio, nonostante sia così necessario al giorno d’oggi. Lei riesce a trasformare i condom in qualcosa di assolutamente sensuale, pieno di energia e di vita».

Tutto ha inizio nel 1996 quando, durante un periodo di volontariato presso un’associazione di assistenza per i malati di AIDS, la Bertini riceve 144 condom scaduti. L’anno successivo nasce la prima esibizione a base di condom e da allora la sua “social art”, come ci tiene a definirla l’artista, ha fatto il giro del mondo.

L'ultimo evento a cui ha partecipato è il Condom Couture Fashion Show al Global Village Aids 2014 di Melbourne. Fino a questo momento si è dedicata esclusivamente alla creazione di abiti femminili ma in programma c’è una collezione tutta al maschile che si chiamerĂ  “Medieval Art - Garments as body protection”.

Il progetto prende spunto dallo studio dell’arte medievale e del comportamento sessuale dell’epoca. Il ricavato delle opere e dei vestiti venduti o messi all’asta viene devoluto per finanziare progetti sociali.

Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 13:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma