Matrimonio in shorts, i pantaloncini sono la tendenza per le spose del 2020

Martedì 30 Aprile 2019 di Costanza Ignazzi

Le spose del 2020? Dei tipi sportivi: almeno secondo i designer del settore, che in occasione delle Bridal week di aprile hanno portato in passerella look un filino diversi da quelli che siamo abituati ad immaginare all'altare. Addio strascichi chilometrici, abiti da Cenerentola e romantici pizzi e merletti: adesso a nozze si va in versione mini, se non - addirittura - in shorts.

Moda, dalle espadrillas alle sneakers glitterate: 5 tipi di scarpe (comode) da sposa non convenzionali

New York ha sgranato tanto di occhi davanti agli abiti da sposa di Reem Acra, che per il giorno del "sì" propone pantaloncini in satin e giacche dal taglio smoking ma anche succinte tutine con fiocchi abbinate a scintillanti decolletés dal tacco a spillo. Un po' diva, un po' deshabillé naif, l'impatto è garantito. Al coro si è unita anche Ines Di Santo, sui cui shorts sembra caduta una pioggia di fiori ricamati, mentre sotto la giacca del tailler non c'è niente (no, nemmeno il reggiseno).

Dal Belgio hanno poi deciso di portare la tendenza all'estremo: le spose del marchio A. F. Vandevost indossano direttamente gli shorts da ciclista: (ovviamente?) bianchi e abbinati sia a giacche anni Ottanta che a maxi bluse e cuissardes. Con in mano la borsa, per chi non avesse intenzione di saltare la palestra nemmeno nel giorno più bello: dalla sala pesi all'altare, il passo non è mai stato così breve. Niente shorts ma minigonne vertiginose sì per Pronovias, che fascia le spose di glitter, frange e intarsi preziosi. E non a caso nel front row della sfilata a Barcellona ci sono tutte le influencer che contano, dive dei giorni nostri: da Valentina Ferragni a Aimee Song. 

E gli strascichi da favola, che fine hanno fatto? La risposta, secondo gli esperti, sta nella mentalità delle spose moderne, che sta lentamente cambiando: basti pensare, come ha raccontato a Vogue la stilista Danielle Frankel, che nessuna ha più intenzione di impiegare un anno per trovare il vestito perfetto: la maggior parte si presenta in atelier 3 o 4 mesi prima del "sì" e molte altre cercano direttamente tutto online. Non solo, ma è il grande momento dei "secondi vestiti", quelli del dopo matrimonio, in cui nessuna vuole l'impedimento dello strascico per ballare scatenata. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 20:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma