Violenza contro le donne, arrivano quattro annulli speciali di Poste Italiane

Venerdì 22 Novembre 2019 di SIMONA VERRAZZO
I quattro annulli speciali di Poste Italiane -- fonte Vaccari News

Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, voluta dall’Onu. Per l’occasione Poste Italiane ha realizzato quattro annulli speciali perché ci sia sempre una maggiore sensibilizzazione su questa piaga sociale. Come riporta Vaccari News, si comincia oggi, nel corso di VeronaFil, una delle più importanti fiere filateliche d’Italia, grazie all’Associazione Filatelica Numismatica Scaligera: l’annullo riporta la frase «No alla violenza sulle donne» e raffigura un volto femminile con un occhio nero, una mano protesa in segno di percosse e una scarpa con il tacco.
Il Circolo Filatelico Numismatico Alessandria si è mobilitato e il 25, nella città piemontese, viene emesso l’annullo che ha come immagine una bilancia, a indicare la giustizia, e i simboli del femminile e del maschile come pesi che debbano essere giudicati (e puniti) in egual misura.

Un francobollo contro la violenza sulle donne e per ricordare le vittime dei femminici

Il giorno dopo, il 26, ci si sposta a Palermo, dove la richiesta è partita dall'Ufficio della Consigliera di Parità della Regione Sicilia. Nell’annullo dell’isola campeggia la scritta “Tu non sei sola”.
Si chiude il 1° dicembre in Lombardia, con l’annullo che raffigura tre profili femminili e ricorda il tema del convegno ‘E’ Ora – Donne e uomini senza violenza’, organizzato dal il Centro Italiano Femminile Legnano.
Sempre per sensibilizzare sulla lotta contro la violenza sulle donne, all’interno delle iniziative svolte in questo mese, Poste Italiane aveva emesso, l’11 novembre, un francobollo speciale da 1,10 euro con l’illustrazione dell’artista Tiziana Trinca. Raffigura una bambina mentre disegna le sagome trasparenti di donne vittime di violenze che indossano soltanto un paio di scarpe rosse, diventate il simbolo della mobilitazione mondiale contro il femminicidio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA