Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sparano a un immigrato con fucile ad aria compressa, denunciati in tre

Sparano a un immigrato con fucile ad aria compressa, denunciati in tre
di Giovanni Del Giaccio
1 Minuto di Lettura
Giovedì 16 Agosto 2018, 08:45 - Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 16:26

Tre giovani, uno di 20 anni e due minori, sono stati denunciati dai Carabinieri con l'accusa di lesioni aggravate per aver sparato nei confronti di un immigrato ad Aprilia con un fucile ad aria compressa.

L'episodio si è verificato il giorno di Ferragosto, in pieno centro, con un cittadino del Camerun è stato colpito a un piede da un proiettile di piombo. L'uomo è entrato in un bar e ha chiesto aiuto, poco dopo sono arrivati i militari ai quali ha indicato la zona di provenienza del colpo.

I carabinieri hanno  effettuato diverse perquisizioni e quindi hanno individuato i colpevoli che con un fucile ad aria compressa di libera vendita dalla finestra della propria abitazione avevano sparato. Si sono giustificati dicendo che stavano provando l'arma dalla quale era poi partito il colpo che aveva  colpito l'immigrato. L'uomo, per fortuna, non ha riportato gravi conseguenze

Sequestrati l'arma e i mini proiettili. Di recente, sempre ad Aprilia, ipotizzando un tentativo di furto, un immigrato di origine marocchina è stato inseguito da alcuni residenti ed è morto in circostanze ancora da chiarire dopo un incidente. Gli investigatori non escludono che sia stato picchiato e ci sono due indagati per omicidio preterintenzionale. 

A Latina Scalo, invece, erano stati esplosi dei colpi sempre da un'arma ad aria compressa nei confronti di alcuni immigrati ospiti di un centro di accoglienza

© RIPRODUZIONE RISERVATA