Terremoto, altre tre scosse nella notte in Emilia-Romagna: oggi i sopralluoghi

Sciame sismico nella notte

Terremoto, altre scosse nella notte in Emilia-Romagna: oggi i sopralluoghi
4 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Febbraio 2022, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio, 09:54

Altre scosse di terremoto nella notte tengono sveglia la popolazione in Emilia già spaventata dopo la serie che aveva colpito ieri sera la provincia di Reggio Emilia. Uno sciame rilevato in tre occasioni dall'Ingv: alle 23.26 una scossa di magnitudo 2.3 è stata registrata ancora a Bagnolo in Piano, alle 4.02 e alle 4.48 a Correggio, rispettivamente di magnitudo 2.4 e 2.0.

Scosse più lievi di quelle che mercoledì sera hanno allarmato la popolazione di una vasta parte dell'Emilia: Ingv comunica che la magnitudo del primo sisma, alle 19.55, è stata di 4.0, con epicentro a 4 km dal comune di Bagnolo in Piano (RE), a 7 km di profondità. La seconda scossa alle 21, con una magnitudo di 4.3 e localizzata a 3km da Correggio (RE), a una profondità di 6 km. Le scossa sono state avvertite anche a Parma, Bologna e Modena. Sui social segnalazioni anche da Mantova, Verona, Bergamo e Milano. Al momento non si segnalano danni. Altre scosse, ma di magnitudo più bassa, sono state registrate sempre fra i comuni di Bagnolo in Piano e Correggio. Anche se non sembrano esserci conseguenze, il terremoto ha risvegliato la paura in una zona, che quasi dieci anni fa, fu duramente colpita da un sisma che provocò morti e danni.

 

Bonaccini: «Non si segnalano danni»

«Alle 21 una seconda scossa, di magnitudo 4.3 (da confermare) ha interessato di nuovo la provincia di Reggio Emilia. È stata sentita chiaramente nelle province confinanti, fino a Bologna città. Ha fatto seguito alla prima, che era stata di intensità 4.0. Continuano a non segnalarsi danni, anche se numerosi cittadini sono scesi in strada. Da subito è stato aperto il Centro operativo regionale (Cor) della Protezione civile a Bologna e sono attivati quello di Modena, a Marzaglia, e di Reggio Emilia». È l'aggiornamento del presidente dell'Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. «La Protezione civile - prosegue - è al lavoro per le verifiche, insieme a Vigili del fuoco e Forze dell'Ordine. Insieme ai Prefetti delle province interessate. Io sono al Centro operativo di Marzaglia, a Modena, per un più efficace contatto con i sindaci e gli amministratori locali, mentre gli assessori Priolo e Mammi sono presso i centri operativi di Bologna e Reggio Emilia. Il sistema regionale è allertato, vicino alle comunità locali».

 

Modena, interrotto spettacolo a teatro

A Modena, a causa del terremoto, è stato interrotto lo spettacolo in ricordo di Mirella Freni al Teatro comunale. Il coro, appena arrivato in palcoscenico, è stato fatto uscire e poi anche le persone hanno via via abbandonato la sala. Il concerto è stato quindi annullato.

 

Correggio, il sindaco: «Molta paura»

«Molta paura, molte persone sono scese in piazza, in strada, alcuni non sono ancora rientrati. Al momento non abbiamo nessuna segnalazione di danno né a edifici né a persone. Stiamo per scrupolo organizzando i sopralluoghi nelle scuole e siamo a disposizione dei cittadini». Lo dice, raggiunta al telefono dall'Ansa, Ilenia Malavasi, sindaca di Correggio, comune del Reggiano epicentro della seconda scossa di terremoto avvertita in Emilia.

 

Le segnalazioni social

Immediate le segnalazioni sui social dopo il sisma. L'hashtag #terremoto è primo in tendenze su Twitter. Anche il cantautore Paolo Belli ha segnalato la scossa a Carpi. I messaggi degli utenti arrivano principalmente dalla zona interessata, fra Reggio Emilia e Modena, ma anche da altre città del nord come Verona, Milano e Bergamo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA