“Var” in funzione per il pallone uscito dal campetto del patronato e finito in strada: lite tra parroco e vicini

Una rete bucata, la palla che disturbi i passanti. Don Gianni Antoniazzi: "I giovani non possono nemmeno giocare?"

Var in funzione per il pallone uscito dal campetto del patronato e finito in strada: lite tra parroco e vicini
di Fulvio Fenzo
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Febbraio 2023, 08:24 - Ultimo aggiornamento: 08:45

Non era la Var, ma hanno usato ugualmente le telecamere. E tutto per una partitella tra ragazzini nel campetto della parrocchia, dopo le proteste dei vicini contro il pallone finito in strada. Ed ora il parroco di Carpenedo (Mestre), don Gianni Antoniazzi, sbotta: «Vogliamo che Mestre diventi una città in cui i giovani non possono nemmeno giocare?». Sembra una piccola storia, ma è una di quelle che definiscono un po’ i tempi che stiamo vivendo. Siamo nel patronato della chiesa dei santi Gervasio e Protasio, in uno dei tanti pomeriggi in cui gruppi di ragazzi si trovano per tirare quattro calci ad un pallone. E, come è sempre successo, capita che il pallone finisca fuori, passando al di sopra della rete protettiva alzata sul perimetro del campo, finendo in via Manzoni. «Proprio in quel momento passava per strada un uomo che portava a spasso il cane - racconta don Gianni sul notiziario parrocchiale “Lettera Aperta” -, il quale ha ritenuto di prendere il pallone e di portarselo in casa. Poco dopo i ragazzi lo hanno incontrato e hanno chiesto di riavere quel pallone di cuoio, tra l’altro costoso, ma lui ha risposto che dovevo andare io a chiederlo». E così i giovani si sono rivolti a don Gianni che è uscito dalla canonica per incontrare il vicino, porgendogli le scuse per l’episodio. Ma non è bastato, perché l’uomo ha riferito di essere stato colpito in testa dal pallone e che lo avrebbe restituito solo una volta chiusi i buchi sulle reti. Don Antoniazzi non si è perso d’animo: «Ho preso la scala, il filo di ferro e sono andato di persona a fare i rattoppi: quelli vecchi si erano guastati perché dietro la porta, si sa, le reti si rovinano rapidamente. Sono tornato e i vicini si solo comunque lamentati perché volevano le reti anche sopra al cancello scorrevole. Ma lì non posso metterle perché chiuderei il passaggio ai mezzi più alti».

Scuola, boom dei licei (non il classico): crescono gli istituti tecnici. Ecco le scelte degli studenti

Venezia, conto da 1.100 euro per quattro bistecche e fritture di pesce

Il pallone è stato comunque restituito, ma a quel punto il sacerdote si è voluto togliere anche l’ultimo dubbio.

Chiamando in causa la “Var”, grazie alle immagini registrate del maxi-sistema di videosorveglianza di cui si è dotata la parrocchia di Carpenedo: «Si vede il pallone calciato senza troppa forza superare di qualche centimetro il muro alto due metri. Dietro c’era il vicino che camminava, ma non è possibile che sia stato colpito in testa. Forse di rimbalzo, ma allora il pallone dev’essere stato più lento ancora…». Quindi, nessun “fallo” tale da giustificare una simile reazione. E allora don Gianni Antoniazzi su “Lettera Aperta” si rivolge direttamente ai parrocchiani: «Vogliamo che Mestre diventi una città priva di fastidi? Dobbiamo fare come a Venezia e dire alle famiglie con figli adolescenti di andare a vivere da altre parti? Se non vogliamo un’Italietta da ospizio e geriatrie estese dobbiamo fare anche il sacrificio di vedere qualcuno che gioca e disturba». Un segno di vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA