Palermo, agguato all'alba: ucciso il fratello del boss Migliore, ora collaboratore di giustizia

Venerdì 28 Febbraio 2020
Palermo, agguato all'alba: ucciso il fratello del boss Migliore, ora collaboratore di giustizia

Nuovo agguato di mafia a Belmonte Mezzagno, centro agricolo a pochi chilometri da Palermo, al centro di una sanguinosa faida con due omicidi e un tentato omicidio. All'alba è stato ucciso con colpi d'arma nella sua auto Agostino Alessandro Migliore, 45 anni, fratello di Giovanni Migliore, boss arrestato nell'operazione «Cupola 2.0».

Mafia, sparatoria in un mercato nel centro storico di Palermo: un morto. Fermato cugino di un boss

Boss ucciso a Palermo, Cosa Nostra lo condannò a morte nel 2014

L'agguato è avvenuto in via Togliatti, intorno alle cinque. La vittima era sulla sua Audi quando sono entrati in azione i killer. Giovanni Migliore è ritenuto uomo di fiducia del boss Filippo Bisconti, che dal dicembre 2018 ha scelto di collaborare con la giustizia.

L'omicidio di Agostino Alessandro Migliore è il quarto episodio di sangue nel giro di un anno: il 10 gennaio 2019, è stato ucciso Vincenzo Greco, genero del boss Casella; poi l'8 maggio, i killer freddarono il commercialista Antonio Di Liberto, fratello dell'ex sindaco e cugino del pentito Bisconti.

L'ultimo agguato in ordine di tempo, prima dell'omicidio di stamane, risale al 2 dicembre scorso, quando due killer spararono in mezzo alla folla, nel corso principale del paese, per tentare di uccidere l'imprenditore edile Giuseppe Benigno. Nell'ambito delle indagini sulla faida i carabinieri avevano arrestato un mese fa quattro persone, tra le quali Salvatore Tumminia ritenuto il nuovo capomafia di Belmonte Mezzagno.
 

Ultimo aggiornamento: 08:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi