Napoli, papà uccide la figlia di 16 mesi lanciandola dal balcone e si getta di sotto

Lunedì 15 Luglio 2019
5
Napoli, papà uccide la figlia di 16 mesi lanciandola dal balcone e si getta di sotto

A mezzogiorno circa, a San Gennaro Vesuviano, in via Cozzolino, alle porte di Napoli, un 35enne ha lanciato la figlia 16 mesi dal balcone del secondo piano e si è buttato giù. La bimba è morta sul colpo. Lui è ricoverato in gravi condizioni al Cardarelli, ospedale di Napoli. Secondo una prima ricostruzione l'uomo era in casa con la moglie. Tra i due ci sarebbero stati dei problemi, forse si stavano separando. Verso mezzogiorno il 35enne avrebbe chiesto alla donna con una scusa di andare in un'altra stanza. A quel punto averbbe afferrato la piccola gettandola di sotto, tentando successivamente il suicidio.

Calci e pugni alla compagna incinta e quattro auto incendiate: arrestato 25enne

Tenta di uccidere nel sonno la moglie malata con una coltellata al petto per non vederla più soffrire
 


Ieri sera lite tra genitori. Ci sarebbe stata una discussione, ieri sera, secondo una primo accertamento dei carabinieri, tra i genitori della bimba di 16 mesi uccisa oggi a San Gennaro Vesuviano. La vicenda è ancora tutta da ricostruire, così come è da stabilire se i due erano in procinto o meno di una separazione.

I genitori della piccola vivono a Caserta; nell'appartamento dove si è verificata la tragedia vive la suocera dell'uomo. In queste ore i carabinieri stanno sentendo i familiari proprio per cercare di stabilire cosa abbia potuto far scattare la follia omicida nell'uomo e il suo tentativo di suicidio.

La disperazione dei parenti della bimba. Scene di disperazione dei parenti della piccola uccisa a San Gennaro Vesuviano (Napoli) dal padre che si è lanciato dal balcone assieme alla bimba e che è ora in gravi condizioni all'ospedale Cardarelli di Napoli. Il nonno materno ha chiesto di vedere il corpo della piccola.

L'abitazione della tragedia è quella della nonna materna. La coppia abitava a Caserta ma stava probabilmente per separarsi. Questa mattina la mamma della bambina si è distratta un attimo, il marito ha preso la piccola e si è lanciato giù nel vuoto con lei. Sul posto si è recato il pm per avviare le indagini.

Mentre la moglie stava caricando la lavatrice, il marito ha preso la bimba e, dal piano terra dove è l'abitazione di San Gennaro Vesuviano (Napoli) è salito sulla tromba delle scale e dalla finestra al secondo ha prima lanciato la bambina e successivamente si è buttato lui. Fatale per la piccola l'impatto, lui è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Cardarelli.

Dal papà nessuna spiegazione del gesto. Nessuna spiegazione è stata fornita dal 35enne Salvatore Narciso per spiegare perché ha lanciato dal balcone la figlia di 16 mesi, Ginevra, uccidendola. L'uomo si è lanciato a sua volta dal balcone posto al secondo piano di un palazzo in via Cozzolino, a San Gennaro Vesuviano (Napoli). Ricoverato all'ospedale Cardarelli di Napoli, è attualmente sottoposto a una delicata operazione alla colonna vertebrale. Secondo quanto si apprende, Narciso è rimasto cosciente per tutto il tempo e non ha fornito alcuna spiegazione per il gesto compiuto.

Ultimo aggiornamento: 19:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma