Terni, mangia risotto con funghi velenosi e muore dopo 7 giorni di agonia: marito gravissimo

Giovedì 17 Ottobre 2019
Terni, mangia risotto con funghi velenosi e muore dopo 7 giorni di agonia: marito gravissimo

Una donna è morta dopo una settimana di agonia per aver mangiato un risotto con funghi velenosi. Non ce l'ha fatta Giorgia Raschi, dopo aver avuto un'intossicazione da amanita falloide, fungo tra i più velenosi in natura. La donna, 74enne originaria di Bellaria (Rimini) ma residente a Labro in provincia di Rieti, è morta dopo una settimana passata in ricovero all'ospedale di Terni. Le condizioni del marito restano ancora molto gravi.  

Leggi anche Raccolgono e mangiano funghi velenosi, dieci persone finiscono in ospedale
Leggi anche Mangiano il risotto con i funghi raccolti nel bosco: famiglia avvelenata, gravi i genitori


Il caso riporta in primo piano la necessità di far vagliare i funghi raccolti all'ispettorato micologico, per avere la certezza di non incorrere in intossicazioni che nei casi più gravi possono essere anche fatali. «Di funghi - commentano dalla Usl 2 dell'Umbria - si muore oggi come in passato: la conoscenza e l'applicazione di pochi e semplici consigli consentirà il consumo sicuro di un prelibato frutto della terra. Non consumare funghi che non siano stati controllati da un micologo professionista. Raccogliere i funghi sì, consumare i funghi sì, ma con cautela e soltanto dopo averli fatti controllare presso l'ispettorato micologico delle Asl. In caso di evidenti disturbi, dopo il consumo di funghi è opportuno pensare sempre ad una possibile intossicazione e rivolgersi immediatamente al pronto soccorso più vicino: le cure, se praticate tempestivamente, possono salvare la vita»

Ultimo aggiornamento: 22:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma