Mangiano funghi, intera famiglia intossicata: nove in ospedale

Venerdì 2 Novembre 2018
1
Mangiano funghi, intera famiglia intossicata: nove in ospedale
La Asl di Lecce in un comunicato ha invitato i cittadini a non fidarsi dei funghi senza che vi sia stato un controllo preventivo, sia che si tratti di prodotti spontanei raccolti durante una scampagnata, sia che siano stati acquistati da venditori ambulanti, senza essere provvisti delle necessarie certificazioni. La nota arriva in seguito al ricovero al Fazzi di Lecce di nove persone, tutte componenti di uno stesso nucleo familiare, rimaste intossicate dai funghi che avevano mangiato. Un'altra persona, una donna, è stata ricoverata per la stessa ragione e con sintomi più severi (le è stata somministrata una terapia antiavvelenamento) nell'ospedale di Copertino, in provincia di Lecce.

Morto il fumettista Alessandro Caligaris: soffocato da un boccone di cibo a cena

Le condizioni di tutte le persone che hanno fatto ricorso ai sanitari non destano preoccupazioni. I nove componenti della famiglia rimasta intossicata il responsabile dei malori è stato il Boletus Pulchrotinctus, fungo non commestibile e a tossicità incostante; nel secondo caso, quello della donna ricoverata a Copertino, il fungo incriminato è l'Inocybe, tossico e ritenuto responsabile della Sindrome Muscarinica (disturbi gastrointestinali, dispnea, disturbi respiratori di tipo asmatico, disturbi visivi, tremori, ipotensione arteriosa ecc.).

«I sanitari - rende noto la Asl - hanno lavorato in perfetta sintonia con i micologi del CCM ASL Lecce (diretto dal dr. Roberto Carlà) e con il Centro Antiveleni regionale, subito allertati, per cui è stato possibile in tempi rapidi individuare il genere e la specie dei funghi e quindi elaborare la diagnosi e l'idonea terapia per i diversi casi».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma