Emilio Fede: «Arrestato davanti a tutti al ristorante come un delinquente qualunque, è stata una cosa terrorizzante»

Martedì 23 Giugno 2020
9
Emilio Fede: «Arrestato davanti a tutti al ristorante, è stata una cosa terrorizzante»

La prima reazione, dopo l'arresto a Napoli: «È stata una cosa terrorizzante. Compivo gli anni e da Milano, con i domiciliari finiti, sono partito per trascorrere due giorni con mia moglie. Siamo andati al ristorante a mangiare una pizza io e lei, e lì sono arrivati i carabinieri, notificandomi gli arresti per il reato di evasione. Come il peggiore dei delinquenti», il racconto del giornalista Emilio Fede dell'arresto a Napoli per evasione dai domiciliari.

Emilio Fede ricoverato in ospedale al San Raffaele di Milano

Caso Ruby, Emilio Fede vuole chiedere la grazia al Capo dello Stato

«Mi viene contestato di essere partito da Milano quando non c'era ancora la firma sui servizi sociali. Sono stato accompagnato in albergo e ora non posso nemmeno affacciarmi alla finestra - dice ancora Fede- Io sono claustrofobico, sono stato operato alle vertebre e non posso camminare da solo, devo essere accompagnato e con il bastone. È stato un arresto davanti a tutti, sono terrorizzato, che si possa prendere un essere umano, non Emilio Fede, e arrestarlo così».
 

 

Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA