Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, bambino chiama il 112: «Non posso uscire. Portate il mio disegno ai nonni nella casa di riposo?»

Coronavirus, bambino chiama il 112: «Non posso uscire. Portate il mio disegno ai nonni nella casa di riposo?»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Marzo 2020, 16:28

Non sapeva proprio come fare. I genitori gli hanno detto « no, non si può, non si può uscire». Eppure lui voleva proprio  dare ai nonni quello che aveva fatto con tanta cura:  un lenzuolo bianco, pennarelli e tanto amore. Così un bambino di Vaiano, in provincia di Prato, non si è perso d'animo e ha chiamato il 112.  «Pronto Carabinieri, per favore potete portare questo striscione ai nonni?»  «Ho disegnato un grande arcobaleno e lo volevo regalare ai vecchietti della casa di riposo di Vaiano, dove stanno i miei nonni. Io non posso uscire di casa, voi mi potete aiutare?». 

Coronavirus, aiutiamo i bambini: chat e cucina contro la solitudine in casa

Con i pennarelli, il piccolo su un grande lenzuolo bianco ha disegnato un arcobaleno, un cuore tricolore e le scritta «Andrà tutto bene» e «Uniti ce la faremo». Così una pattuglia dei carabinieri del comando provinciale di Prato, nel corso dei controlli del territorio finalizzati alla vigilanza sul rispetto delle prescrizioni per contrastare la diffusione del coronavirus, si è recata a casa del bimbo per ritirare lo striscione ed esaudire il desiderio. Lo striscione è stato donato alla casa di riposo e appeso a un balcone. Piccole storie di resistenza di un'Italia che certamente ce la farà. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA