CORONAVIRUS

Atalanta-Valencia, la partita zero per spiegare il caso Bergamo: «San Siro possibile luogo di esplosione del contagio»

Sabato 21 Marzo 2020
Atalanta-Valencia, la partita zero per spiegare il caso Bergamo: «San Siro possibile luogo di esplosione del contagio»

Coronavirus, Atalanta-Valencia, la possibile partita zero per spiegare il “caso Bergamo” e il boom di contagi. In quella sera di febbraio oltre 50 mila bergmaschi affollarono lo stadio San Siro di Milano per la sfida di Champions League. Francesco Le Foche, medico immunologo, responsabile del day hospital di immuno-infettivologia del policlinico Umberto I di Roma, ipotizza che la partita sia stata uno dei motivi dell'esplosione.​

Dybala positivo al coronavirus: «Ma sono in perfetto stato». Terzo caso nella Juve

Coronavirus, in Italia 53.578 casi, 4.821 più di ieri: 4.825 morti, oggi 793. Borrelli: «Ora misure massime, poi c'è la chiusura totale»

Da Valencia arrivano espliciti riferimenti alla partita di San Siro del 19 febbraio, l’Atalanta-Valencia andata di Champions. «Uno di questi episodi, tra i più eclatanti, potrebbe essere stato proprio quello. L’apice in termini di euforia collettiva di una stagione calcistica unica nella storia del club». Il contagio positivo della festa e dell’entusiasmo potrebbe aver favorito il contagio negativo del virus e dunque della depressione e del lutto? «Ci sta - spiega Le Foche -. È passato un mese da quella partita. I tempi sono pertinenti. L’aggregazione di migliaia di persone, due centimetri l’una dall’altra, ancor più associate nelle comprensibili manifestazioni di euforia, urla, abbracci, possono aver favorito la replicazione virale».
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 19:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA