CORONAVIRUS

Coronavirus, in Italia 53.578 casi, 4.821 più di ieri: 4.825 morti, oggi 793. Borrelli: «Ora misure massime, poi c'è la chiusura totale»

Sabato 21 Marzo 2020
Coronavirus, in Italia 53.578 casi, 4.821 più di ieri: 4.825 morti, oggi 793. Borrelli: «Ora misure massime, poi c'è la chiusura totale»

Coronavirus, dalla Protezione ancora un bollettino di guerra con i contagi che superanno abbondantemente quota 50.000 attestandosi a 53.578. I morti, secondo quanto comunicato dal commissario Borrelli arrivano a quota 4.825, i guariti 6.072. Nelle ultime settimane sono stati effettuati 233.222 tamponi per il Coronavirus. Lo si legge nel bollettino della della Protezione civile sulla diffusione del Covid-19 in Italia. Il presidente dell'istituto superiore di Sanità Brusaferro ha ribadito che sono ammessi "due passi", ma niente scappatoie».

Coronavirus, una task force per studiare gli spostamenti dei cittadini come in Corea del Sud

Borrelli: «Ora misure massime, dopo c'è chiusura totale». «Bisogna limitare gli spostamenti ma ci sono esigenze che vanno assicurate. Non possiamo garantire la spesa a domicilio per tutti. Sono state previste limitazioni ad attività lavorative non essenziali, ma ci sono una serie di filiere come quelle di alimentari e servizi pubblici essenziali, che devono essere garantite. Quelle in atto sono le misure massime che si potevano adottare. Dopodiché c'è la chiusura totale e mi domando come potremmo sostenerci se non usciamo a fare la spesa e senza alimentari nei supermercati?». L'ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli.

Coronavirus, in Toscana 219 nuovi casi: netto calo rispetto a ieri. I morti sono 25
 


I morti. Sono salite a 4.825 le vittime del Coronavirus in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 793 unità. È il maggior incremento dall'inizio dell'emergenza. Ieri l'aumento era stato di 627 morti. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile.

Coronavirus Italia, la mappa del nelle Regioni: in Emilia-Romagna i morti salgono a 715, i contagiati 6.705

I malati. Sono complessivamente 42.681 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 4.821. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 53.578. Il dato è stato fornito dal commissario per l'emergenza Angelo Borrelli nella conferenza stampa alla Protezione civile. Ieri i malati in più erano stati 4.670.

I guariti. Sono 6.072 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 943 in più di ieri. L'ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli durante la conferenza stampa alla Protezione civile. Ieri il dato giornaliero sui guariti era di 689.

Coronavirus, troppe proteste sindacali: vigili del fuoco per garantire il trasporto di farmaci

Borrelli: basta scappatoie. «È tassativo il rispetto delle misure prese dal Governo, è un segnale forte per dire che non abbiamo ancora preso sufficientemente sul serio il pericolo. Ci sono ancora situazioni dove con la scusa di fare due passi si fanno assembramenti. Le scappatoie danneggiano noi stessi e i nostri cari e le persone più fragili sono gli anziani. Servono meccanismi di rispetto sistematico delle misure, senza non saremo in grado di allentare la diffusione del virus». Lo ha detto Silvio Brusaferro, direttore dell'Iss.

Coronavirus, Londra ai cittadini: «Fate la spesa, ma niente assalti ai supermercati»

Maschi i più colpiti. «Notiamo che più colpita è ancora maggiormente la popolazione maschile e che c'è ancora un tempo mediano tra sintomi e diagnosi di cinque giorni. Questa è la sfida che abbiamo davanti. Prima intercettiamo e isoliamo le persone con sintomi e meglio è». L'ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro durante la conferenza stampa alla Protezione civile.

Coronavirus, nessuno per le strade di Latina

Borrelli: rinforzi medici a Cremona. «È stato organizzato con Alitalia il viaggio per far arrivare 52 medici cubani che arriveranno domani e partiranno per la Lombardia per gestire l'ospedale da campo a Cremona». L'ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli durante la conferenza stampa alla Protezione civile.
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 08:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani