Scuola: al Rosselli di Aprilia giocando si potenziano storia, inglese e altre materie

Venerdì 16 Marzo 2018 di Dario Battisti
Un gruppo di studenti dell'istituto Rosselli di Aprilia con i professori Marco Mengoli e Mauro Faina
Nell'istituto superiore Carlo e Nello Rosselli di Aprilia gli studenti ampliano, integrano e completano la propria formazione anche con l'ausilio dei giochi da tavolo e dei giochi di ruolo. All'interno del progetto Area a Rischio - Dispersione Scolatica è attivo da un quinquennio il progetto Wargame School, coordinato dai docenti di inglese Mauro Faina e di italiano e storia Marco Mengoli e Salvatore Trapani. Il progetto, che comprende anche il Role Playing School e il Wargame 3D School, cerca di potenziare quelle abilità che rimangono spesso poco sviluppate nel tradizionale ambiente scolastico (soft skills). Nell'ambito di questa attività si toccano diverse discipline: l'inglese, in quanto i materiali usati sono di provenienza americana e i ragazzi indirettamente apprendono nuovi termini; la storia, visto che si parla di avvenimenti storici, politici e militari, la geografia; l'attività di coding che permette di sviluppare nel discente la sequenzialità nell'affrontare i problemi. In questo anno scolastico gli alunni affrontano il periodo napoleonico, la prima e seconda guerra mondiale e la guerra fredda. Da sottolineare l'introduzione di un wargame durante lo svolgimento della lezione tradizionale di storia, con le sua mappe, i movimenti e le strategie dei due eserciti per spiegare in maniera più accativamente la Rivoluzione Americana.

Il Role Plaiyng Game School è dedicato all'approfondimento delle materie letterarie e storiche attraverso l'utilizzo del gioco di ruolo e di altre tipologie di giochi da tavolo che abbiano come caratteristica primaria la comunicazione e la logica. Il programma di quest'anno segue due percorsi paralleli: una via "teatrale" basata sulla rilettura delle opere shakespeariane che ha portato alla produzione di un copione originale di rilettura del Mercante di Venezia e una via orientata, con l'utilizzo di giochi differenti, ad approfondire il colonialismo ottocentesco, la nascita dell'Urss e le due guerre mondiali. Questa attività offre importanti benefici negli ambiti della socialità, creatività, autostima e e si dimostra particolarmente formativa anche e soprattutto per gli studenti con bisogni educativi speciali. Nel Wargame 3D School gli studenti costruiscono con l'ausilio dei materiali, i luoghi, i siti dove si sono svolte alcune battaglie. Nello scorso anno scolastico le pazienti e abili mani degli allievi hanno dato vita ad uno scorcio della campagna di Waterloo mentre in questa annata sono impegnati nella costruzione degli scenari della prima guerra mondiale con la messa in opera di trincee e della vita quotidiana dei soldati. Il progetto della scuola apriliana, diretta da Viviana Bombonati, verrà presentato a Modena il 6 aprile nell'ambito dell'evento Edularp.it  "Il gioco di ruolo per l'educazione". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma