Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Notte Bianca della solidarietà: ricordata Serena Mollicone

La Notte Bianca della solidarietà: ricordata Serena Mollicone
di Elena Pittiglio
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Luglio 2022, 17:15

Oltre mille studenti Unicas hanno affollato l'atrio della facoltà di Economia e Giurisprudenza del  Campus Folcara per la Notte Bianca organizzata da PrimaVera Studentesca. Una festa di beneficenza il  cui ricavato sarà destinato all'acquisto  di un defibrillatore per l'Università. La festa, ritornata a distanza di tre anni, ha visto il popolo di giovani, studenti e non, affollare la piazza interna al Campus per vivere momenti di relax. Musica, canto, associazionismo, enogastronomia sono stati gli ingredienti della lunga kermesse. «Con oltre 1000 tra studenti e future matricole, è stato raggiunto un nuovo record in termini di partecipazione, che ha consentito agli studenti di PrimaVera di perseguire l'obiettivo prefissato: comprare, con i ricavi della serata, un defibrillatore da donare all'università» hanno sottolineato gli organizzatori. L'evento, patrocinato dal Consiglio Regionale del Lazio e dal Comune di Cassino, ha visto la partecipazione del rettore Marco Dell'Isola, del consigliere regionale Mauro Buschini, dei sindaci di Cassino, Enzo Salera, e Cervaro, Ennio Marrocco, degli assessori Danilo Grossi e Arianna Volante, e del consigliere comunale Edilio Terranova. Tutte le autorità si sono unite alla folla di giovani indossando la maglietta dell'evento. «Vedervi qui ballare e cantare  -  ha dichiarato Dell'Isola nel suo saluto -  mi riempie di gioia. Devo ringraziare i ragazzi di PrimaVera per l'intenzione di voler acquistare il defibrillatore: essere così generosi ed avere sempre questa attenzione verso la nostra università per poter crescere insieme e costruire tante cose». E davanti ad una platea numerosa di studenti, il rettore ha colto l'occasione per annunciare le novità in arrivo: «Fra poco ci saranno delle sorprese: stiamo allestendo delle sale sia qui a Cassino che a Frosinone. Spero di riuscire a raccogliere tutte le vostre esigenze e le vostre proposte». Non è mancato il pensiero degli studenti a Serena e Guglielmo Mollicone. L'ultima uscita pubblica, prima di essere colpito dal malore fatale, Guglielmo la tenne all'università dove partecipò ad un incontro pubblico con gli studenti di PrimaVera. Per questo, nel corso dell'evento, la musica si è interrotta per qualche istante, le luci si sono spente e i cuori e la mente degli studenti sono andati a Serena: «I nostri cuori sono rivolti a Serena e a suo padre Guglielmo. Adesso speriamo che la giustizia possa fare davvero il suo corso». Queste le parole di Giulia Capitanio, presidente del Consiglio degli Studenti Unicas. «Per noi e per la nostra comunità - gli ha fatto eco Luigi Gaglione, presidente di PrimaVera Studentesca -  è un momento importante e profondo. Per questo crediamo di mantenere i riflettori accesi anche dentro l'università».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA