Frecciarossa a Frosinone e Cassino: corse soppresse a causa del Covid, anzi no. Il dietrofront di Trenitalia

Frecciarossa a Frosinone e Cassino: corse soppresse a causa del Covid, anzi no. Il dietrofront di Trenitalia
2 Minuti di Lettura
Martedì 17 Novembre 2020, 16:25

E' durata poco meno di 24 ore la sospensione delle corse del Frecciarossa a Frosinone e Cassino. Le fermate erano state soppresse a causa dell'emergenza sanitaria, ieri invece il contrannuncio: da domani 18 novembre le fermate sono ripristinate.

In una nota Trenitalia  precisava: «La più recente evoluzione della situazione sanitaria, le nuove misure adottate dal Governo, con la raccomandazione a limitare gli spostamenti sui mezzi pubblici e privati e i presumibili impatti sulla domanda di trasporto, hanno imposto una riconsiderazione dell’attuale sistema di mobilità. In quest’ottica, per soddisfare le esigenze e la tutela della salute dei viaggiatori e del proprio personale, Trenitalia ha previsto una revisione dell’offerta delle Frecce, treni a Mercato di Trenitalia senza contributo pubblico, basata sui flussi di passeggeri delle ultime settimane e di una loro proiezione nel breve termine».

 Da diversi giorni sull’orario ufficiale delle ferrovie dello stato non figuravano più le fermate alle stazioni di Cassino e Frosinone e né venivano accettate le prenotazioni. Quindi i due treni Frecciarossa 9304, Napoli Centrale 5:23 – Cassino 6:03/6:05 – Frosinone 6:32/6:34 – Roma Termini 7:15, e 9539, Roma Termini 17:00 – Frosinone 17:41/17:43 – Cassino 18:10/18:12 – Napoli Centrale 18:52, non passano più per la Ciociaria. 

Ieri invece il dietrofront dopo le rimostranze politiche. E da domani 18 novembre le corse sono di nuovo in servizio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA