BOLLETTINO

Test sierologici sul personale scolastico, adesione record in Ciociaria: eseguiti 2.500 esami, la metà di quelli del Lazio

Sabato 29 Agosto 2020 di Vincenzo Caramadre

Altri 23 positivi al Covid. Questo l'esito dei 513 tamponi eseguiti, giovedì nelle postazioni drive - di Sora e Frosinone. A trainare i contagi restano i vacanzieri di rientro. Dei 23 casi di ieri tre hanno un link con Sardegna, due con la Puglia e uno con la Russia. Gli altri riguardano casi già noti e isolati, ma comunque collegati al rientro dalle vacanze. Tutti, per fortuna, sono tutti asintomatici.

Il territorio più interessato è Sora con sei casi, sei anche a Ceccano, poi c'è Frosinone con due casi, Amaseno, Esperia, Atina, Broccostella, Arpino, Monte San Giovanni Campano, Strangolagalli, Torrice, Castro dei Volsci, Alatri, Isola Liri e Sgurgola. C'è preoccupazione tra i sindaci. Ad Amaseno ci sono stati quattro casi in due giorni. Il sindaco Antonio Como ha annunciato controlli nei locali pubblici (bar e negozi) e nei luoghi aperti dove sono soliti crearsi assembramenti di persone, con la collaborazione dei vigili urbani e della locale stazione dei carabinieri.

Attualmente i positivi in provincia di Frosinone sono 120, tutti registrati nell'ultima settimana. Nel Lazio ieri i casi sono stati 166, di cui 87 a Roma e il resti nelle province.
In queste due settimane che separano dal Ferragosto c'è stato un testing e tracciamento da record con oltre 14 mila tamponi, ma non è finita perché da lunedì a Civitavecchia sarà possibile sottoporsi, gratuitamente, all'esame anche chi parte verso la Sardegna.

In Ciociaria in queste ore, il personale della scuola, sta rispondendo in massa alla chiamata per i test sierologici: in una settimana sono stati ne sono stati eseguiti 2.500. La metà di quelli finora eseguiti nell'intera regione. In vista dell'avvio dell'anno scolastico, nella giornata di ieri, è arrivato l'ok unitario al documento dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) sul rientro nelle scuole.

«Un atto fondamentale - ha dichiarato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato - per garantire uniformità e sicurezza, che adotteremo formalmente con una delibera di giunta per valorizzarne l'importanza e dare massima diffusione ai contenuti operativi e tecnici».

Presto in ogni Asl, ha aggiunto D'Amato, «nasceranno equipe anti Covid per le scuole coordinate dai referenti dei Servizi di igiene delle Asl. Sui test sierologici agli insegnanti e a tutti gli operatori scolastici ad oggi è stata superata la quota 5 mila test secondo le modalità concordate con l'Ufficio scolastico regionale. Il tasso di sieroprevalenza è coerente con i dati dell'indagine Istat pari all'1,2%».

Ultimo aggiornamento: 12:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA