Movida a Cassino, il giro di vite
dell'amministrazione comunale

Domenica 30 Ottobre 2016
Controlli in piazza Labriola a Cassino
L’obiettivo è rendere piazza Labriola, cuore della movida cassinate, più sicura. Gli amministratori cittadini vogliono tutelare il riposo dei tanti residenti, senza impedire il divertimento l’iniziativa economica. Coniugare tutto questo non è facile, ma neanche impossibile. È per questo che venerdì sera il vice sindaco Carmelo Palombo, assessore con delega alla polizia locale, ha fatto scattare una serie di controlli. L’iniziativa dell’amministrazione comunale nasce in seguito alle richieste dei residenti della zona che, negli ultimi anni, reclamano, in particolare, nel fine settimana, il diritto al riposo notturno, disturbato dalla musica e dagli schiamazzi degli habitué dei locali che affacciano su piazza Labriola e su Corso della Repubblica. «Le regole vanno ristabilite» ha ribadito il vice sindaco Palombo. Per garantire più controlli l’amministrazione ha da poco potenziato la video sorveglianza sull’intera piazza con tre telecamere. E in futuro prevede di installarne altre. «In una piazza dove c’è una concentrazione di giovani, fino a notte fonda, - spiega Palombo - vogliamo evitare che ci siano abusi. È per questo che da pochi giorni abbiamo anche potenziato il sistema di illuminazione. Piazza Labriola sta cambiano volto». Un primo risultato, a seguito dei controlli, si è già avuto. «Gli esercenti - stando a quanto dichiarato dall’assessore Palombo - dovranno attenersi scrupolosamente al rispetto dell’ordinanza del sindaco che risale al 2008 e mai rispettata. L’ordinanza stabilisce che la musica dal vivo può essere trasmessa fino alla mezzanotte, dopodiché deve essere interrotta. Inoltre – aggiunge il vice sindaco – abbiamo scoperto che i locali finora hanno fatto piano bar senza richiedere le dovute autorizzazioni. Per ora abbiamo invitato tutti a mettersi in regola, richiedendo l’autorizzazione al Comune, che può decidere di concederla come può decidere di non farlo». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma