Tracollo demografico in provincia di Frosinone, l'Istat: «Nel 2030 22mila abitanti in meno»

La Ciociaria rischia di essere la più colpita nel Lazio

Tracollo demografico in provincia di Frosinone, l'Istat: «Nel 2030 22mila abitanti in meno»
di Pierfederico Pernarella
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 08:48 - Ultimo aggiornamento: 14:26

La provincia di Frosinone nel 2030? Avrà circa 22mila abitanti in meno, quanti sono oggi quelli di un Comune come Ferentino, pari al 5 per cento dell'attuale popolazione residente. È la stima calcolata dall'Istat nell'ambito di un progetto di statistica sperimentale sull'andamento demografico. Su base regionale lo studio si è esteso fino al 2070, mentre a livello provinciale le previsioni, desunte dagli indicatori attuali, sono arrivate fino al 2030. Ad uscirne peggio è la provincia di Frosinone che registra, in termini assoluti, il calo demografico più consistente.

Attualmente gli abitanti sono poco più di 473mila. Nel 2030 la popolazione della Ciociaria dovrebbe scendere a poco più di 451mila abitanti. Appunto circa 22mila abitanti in meno. Nella provincia di Latina, che nel 2021 conta 560.296 abitanti, nel 2030 ne perderà circa 5mila. Le province di Rieti (circa 151mila) e Viterbo (307mila) avranno rispettivamente oltre 7mila e 12mila abitanti in meno. In percentuale, oltre a quella di Frosinone, non va bene neanche per la provincia di Rieti.

C'è poi un altro dato che non lascia indifferenti, quello che riguarda i due estremi anagrafici. Secondo le stime dell'Istat nel 2030 in provincia di Frosinone ci saranno soltanto poco più di 15mila bambini tra zero e quattro anni, circa 1.700 in meno rispetto agli attuali. La popolazione con più di 95 anni, che oggi conta 1.416 abitanti, nel 2030 supererà i 2mila, circa 600 in più. Un terzo dei bambini che verrebbero a mancare.
 

Se queste stime saranno confermate significa che quasi tutti i paesi della provincia di Frosinone, che oggi contano poche centinaia di abitanti, sono destinati a restare disabitati. Lo studio dell'Istat calcola anche le previsioni demografiche dei due Comuni più grandi: il capoluogo e Cassino.

Nel caso di Frosinone, che nel 2021 conta 44.487 abitanti, nel 2030 ne avrebbe poco meno di 43mila, circa 1.500 in meno. Negli altri capoluoghi del Lazio, il calo demografico maggiore potrebbe registrarsi a Rieti (circa 1800), ma tra un decennio (come già oggi) dovrebbe avere circa 2mila abitanti in più rispetto a Frosinone, quest'ultimo il capoluogo con meno abitanti del Lazio. Dato invece in controtendenza a Cassino che oggi conta 36.137 abitanti e nel 2030 ne avrà circa 200 in più.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA