Apre negozio di "Cannabis light",
ma vendeva marijuana illegale:
sequestro della polizia a Cassino

Venerdì 23 Marzo 2018
Apre negozio di cannabis lighr, ma secondo la polizia vendeva marijuana illegale: sequestrato un chilo di "erba". L'operazione è stata portata a termine a Cassino. Il commerciante, che è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti, non è stato in grado di presentare le certificazione per dimostrare l'origine lecita della sostanza presente nel negozio. 
«Le etichette riportate sui prodotti sequestrati - spiega la polizia - richiamavano la Legge n. 242 del 2016 (c.d. Legge Canapa), che permette agli agricoltori di coltivare cannabis con una soglia di THC fino allo 0,6 % senza alcuna ripercussioni. Detta legge, però, è destinata esclusivamente alla coltivazione e non alla libera commercializzazione. Inoltre la cannabis sequestrate, avrebbe un THC > a 0,2 ed < a 0,6, rendendola quindi, una vera e propria sostanza stupefacente, ovvero marijuana».

La polizia ha contestato anche il fatto che il commerciante ha immesso sul mercato un prodotto proveniente dall’estero, ma senza essere in grado di indicarne le varietà di origine della canapa commercializzata.

Inoltre, gli agenti hanno rilevato un altissimo contenuto di CBD presente nel prodotto commercializzato, rendendolo un vero e proprio farmaco, quindi nella impossibilità di commercializzarlo in libera vendita, a danno della salute pubblica, in ragione della normativa vigente che vieta la commercializzazione in Italia, di farmaci sprovvisti dell’autorizzazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco.








  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Addio Peluche, gli appelli per aiutarlo finiti nel vuoto

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma