Salvini attacca Draghi sulle bollette: «Trovi i soldi, oltre a parlare di pupazzi»

Oggi c'è Pontida, il tradizione appuntamento del Carroccio

Salvini attacca Draghi sulle bollette: «Trovi i soldi, oltre a parlare di pupazzi»
di Emilio Pucci
4 Minuti di Lettura
Domenica 18 Settembre 2022, 09:42 - Ultimo aggiornamento: 11:27

ROMA Più di 200 pullman, 38 gazebo e un maxi palco alto 12 metri e largo 30 con 2 maxi schermi, lo slogan sarà Credo nell'Italia e nella Lega. E, si dice, una sorpresa finale. Quale? C'è chi dice la sfilata di amministratori locali, chi pensa alla presentazione di possibili fuutri ministri. Matteo Salvini oggi ritrova Pontida, il tradizione appuntamento del Carroccio saltato negli ultimi due anni causa Covid, forse il più difficile da sempre.
Perché il segretario leghista sa che la via è stretta. Fratelli d'Italia nei sondaggi (gli ultimi pubblicati e pubblicabili) vola, la Lega sembrava arrancare, M5S in corsia di sorpasso come terzo partito. Alle porte il voto, e dopo il voto, a seconda di come andrà il possibile redde rationem interno. Con qualcuno che comincia a fare i nomi di possibili sostituti del Capitano alla guida di via Bellerio.

Maria Elena Boschi: «Riforme? Si fanno insieme. Il Terzo polo supererà FI»

Dal governatore del Friuli Fedriga ad altri. Voci, illazioni. Come quelle, poi smentite, sui fondi russi: «Non c'erano, non ci sono. Letta e Di Maio si scusino», dice ora Salvini. Il no alla risoluzione Ue sull'Ungheria di Orban, ha riacceso un altro fronte di polemica. Salvini, come la Meloni prima, replica: «Io non mi faccio gli affari degli ungheresi, dei francesi, dei russi, dei cinesi o degli americani e vorrei che gli altri lasciassero che gli italiani votino in pace. Orban è stato eletto dagli ungheresi da poco e gli italiani sceglieranno un nuovo governo la settimana prossima». Poi la replica a Draghi: «Trovi i soldi per le bollette, oltre a parlare di pupazzi». Alla radio provano a fargli cantare Bella Ciao. Lui risponde con Va' pensiero e una battuta: «Volete Liberi liberi di Vasco o la Libertà è partecipazione di Gaber?».
LA STRATEGIA

Per la formazione del governo, se vincesse il centrodestra, l'obiettivo di Salvini è quello di riproporre dopo il voto lo schema del primo governo Conte: ministero dell'Interno e vicepremier. Ma per i leghisti diventa «fondamentale reggere», per ottenere le caselle migliori. Anche perché, è il ragionamento dei dirigenti «se torniamo alle percentuali di diversi anni fa (cioè intorno al 10%, ndr) ci possono essere problemi». Per questo, secondo molti, Salvini ha in mente una sorta di ritorno alle origini, partendo proprio dall'appuntamento anche iconico di Pontida. Un Lega di governo (forse) ma anche di lotta, pronta a dare battaglie sulle questioni ritenute identitarie: dalle bollette con la richiesta di uno scostamento di bilancio ai dl sicurezza, dall'autonomia al ministero dell'Innovazione al nord, E le frasi di questi giorni tra lui e la leader di FdI? «I nostri programmi chiosa Salvini sono comuni al 99%. Poi la Lega è la Lega, per noi l'autonomia viene prima di altro, per noi mettere i soldi adesso per aiutare la gente a pagare le bollette è da fare, perché è debito buono».

Mara Carfagna: «L'Italia ora è stanca dei Masaniello. Il cambiamento è con il Terzo polo»


Sicuramente i leader saranno insieme a piazza del Popolo, giovedì 22, per la chiusura della campagna elettorale. Ma tra i lumbard alcuni timori restano. Il primo in realtà riguarda il bottino del 25 settembre. L'erosione non è solo al Sud (per Pontida non si prevedono carovane dal Mezzogiorno) ma soprattutto al nord. «La Meloni rischia di doppiarci in alcune regioni», il grido d'allarme. Ma proprio perché il trend è a favore di Fdi i maggiorenti del partito di via Bellerio mettono in guardia gli alleati se pensano di egemonizzare il centrodestra: «Se la forchetta tra noi e loro è ampia sarà un problema per la Meloni, non solo per noi, si rischia un governissimo dopo sei mesi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA