Carlo Calenda e il messaggio a Meloni: «Emergenza bollette, noi pronti a dare consigli»

Il leader di Azione: «Se il governo andrà verso il monocameralismo io sono d'accordo. Sul presidenzialismo no, in un Paese super conflittuale l'unico punto di riferimento è il presidente della Repubblica, se politicizziamo anche quello è un macello»

Carlo Calenda e il messaggio a Meloni: «Emergenza bollette, noi pronti a dare consigli»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Settembre 2022, 09:16 - Ultimo aggiornamento: 09:36

Carlo Calenda non si è detto soddisfatto del risultato delle elezioni, ma il Terzo Polo ha ricevuto comunque parecchi consensi - specie fra i giovani - ed è da questi dati che il leader di Azione e Matteo Renzi vogliono ripartire. Offrendo, dall'opposizione, una sponda di discussione al centrodestra. «Se il governo andrà verso il monocameralismo io sono d'accordo. Sul presidenzialismo no, in un Paese super conflittuale l'unico punto di riferimento è il presidente della Repubblica, se politicizziamo anche quello è un macello», ha detto a Radio Anch'io a proposito delle riforme condivise con la nuova maggioranza. «Ma ci sono cose più rapide da fare, come escludere dai pareri energetici le Soprintendenze, le Regioni che si intromettono ogni volta. Questo è più importante e utile, noi ci saremo a discutere», ha aggiunto il leader di Azione.

Il messaggio a Giorgia Meloni

«Alla Meloni ho mandato oggi un messaggio in cui ho detto che, sull'emergenza, faremo una opposizione in cui saremo pronti a dare qualsiasi consiglio senza problemi - ha detto a Porta a Porta parlando dell'emergenza bollette -. Questo è il mio modo di fare politica, l'ho fatto anche con Di Maio sulle crisi aziendali». Poi sulla riforma costituzionale: «Non credo che ci sarà. Oggi abbiamo l'inflazione, l'anno prossimo saremo in recessione, abbiamo un problema di rialzo di tassi della Bce, e abbiamo un problema gigantesco di esecuzione del Pnrr. In questa situazione non c'è spazio per le riforme costituzionali». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA