Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vino: Feudi di San Gregorio ottiene
la certificazione sociale e ambientale B Corp

La cantina di Feudi di San Gregorio
1 Minuto di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 20:54 - Ultimo aggiornamento: 20:57

Feudi di San Gregorio, azienda vitivinicola dell’Avellinese, conferma il proprio percorso verso un modello di business sostenibile, ottenendo la certificazione B Corp che misura e premia le imprese sulla base delle loro performance sociali e ambientali, di trasparenza e responsabilità, e che si impegnano a generare un impatto positivo verso i dipendenti, la comunità di riferimento e l’ambiente. Gli standard B Corp, che consentono una misurazione continua e concreta della performance aziendale sui diversi assi del programma di sostenibilità, sono oggi - informa una nota - i più diffusi ma anche i più rigorosi al mondo: su oltre 200.000 aziende ad oggi misurate, solo il 3% ha soddisfatto i requisiti di eccellenza stabiliti da B-Lab, ente internazionale che conferisce la certificazione. In Italia, le aziende B Corp sono circa 150.

«Il raggiungimento della certificazione B Corp - commenta Antonio Capaldo, presidente di Feudi di San Gregorio, in Località Cerza Grossa a Sorbo Serpico (AV) - rappresenta un grande incoraggiamento per continuare a lavorare in diverse direzioni nel rispetto dei nostri fornitori e dei nostri clienti, del nostro lavoro quotidiano e degli obiettivi economici e sociali dell’azienda». «È anche - aggiunge Capaldo - il riconoscimento del nostro impegno per un’azione sostenibile, in termini ambientali, sociali ed economici, cercando di preservare la bellezza del nostro territorio e l’integrità della nostra comunità al fine di lasciare un mondo migliore di quello che abbiamo trovato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA