Unicredit punta su ricerca e innovazione per accelerare lo sviluppo delle imprese

Venerdì 19 Luglio 2019
Unicredit punta su ricerca e innovazione per accelerare lo sviluppo delle imprese. Nella foto da sinistra Taricani e Casini
Attivare nuove forme di dialogo tra banca e imprese per valorizzare gli asset intangibili delle aziende. Fattori come competenze, ricerca, innovazione, responsabilità etica e sociale che possono contribuire alla crescita. L'idea è quella di far emergere da una parte elementi a carattere immateriale, per loro natura di difficile valutazione, soprattutto da parte degli istituti di credito, e dall'altro accrescere la sensibilità verso una attività di impresa che esprima anche una ricaduta sociale sul territorio. In un modo che possa poi essere intercettato e premiato da chi eroga il credito. Di questo si è discusso a Roma a Palazzo de Carolis al Forum Unicredit dal titolo I nuovi valori dell'impresa: conoscenza e responsabilità per il territorio. Crescere valorizzando l'intangibile. Un incontro definito dall'istituto di «ascolto», basato su quattro diversi tavoli (Agrifood e Turismo, Impresa 4.0 e Life Science, Impresa culturale e creativa, Valore sociale dell'impresa) e nato, spiega l'istituto, dall'esigenza di valorizzare tutte le risorse delle aziende.

«Abbiamo parlato di come crescere valorizzando l'intangibile. Aspetti che caratterizzano gli elementi distintivi di un'azienda - spiega Remo Taricani, co-responsabile di Unicredit Italia - A volte le imprese non hanno la consapevolezza del valore di ciò che stanno creando perché si tratta di elementi che non compaiono a bilancio o che al massimo risultano tra le spese correnti anziché tra gli investimenti». «Le aziende di successo, oggi - prosegue Andrea Casini, co-responsabile di Unicredit per l'Italia - sono quelle in grado di coniugare esigenze di business, risorse intangibili e opportunità sociali. Si tratta di qualcosa in cui crediamo fortemente».

Per questo Unicredit punta sul progetto di Social Impact Banking che ha l'obiettivo di aiutare «le persone a rischio di esclusione finanziaria e le organizzazioni attive nella risoluzione di problematiche sociali» mettendo a loro disposizione «credito, competenze e reti di relazioni, in una crescita reciproca investendo nel microcredito e nella finanza di impatto». «Con il nostro programma di Social impact banking nel 2018 abbiamo approvato 72,9 milioni di euro di finanziamenti a impatto di cui 47,8 milioni di euro sono già stati erogati», sottolinea ancora Casini.

«Siamo una banca paneuropea con un forte impegno sull'Italia, dove abbiamo rilevanti attività. Come tali vogliamo dare il nostro contributo per supportare e rilanciare l'economia del paese rispondendo a quelle che sono le esigenze della clientela oggi», ricorda Taricani. E per farlo è necessario puntare anche su innovazione e internazionalizzazione. «Le imprese più internazionalizzate - aggiunge Casini - hanno livelli di efficienza, innovazione e competitività superiori che consentono loro di risentire meno del rallentamento economico e riescono a incontrare meglio la domanda di beni e servizi. Una buona fetta di imprese italiane è già internazionalizzata e ha contributo a generare un surplus commerciale ormai da alcuni anni nell'ordine dei 40 miliardi. Ma ci sono ancora troppe imprese che, a dispetto dell'ottimo potenziale, sono troppo localizzate ed è su queste che occorre agire».
j.o.
  Ultimo aggiornamento: 12:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma