«La Cig arriverà solo a maggio»: il grido di allarme dei consulenti del lavoro

Sabato 11 Aprile 2020 di Giusy Franzese
«La Cig arriverà solo a maggio»: il grido di allarme dei consulenti del lavoro

I consulenti del lavoro, che poi sono quelli che istruiscono le pratiche per i datori di lavoro, lanciano l'allarme: «Le banche non son pronte per anticipare la cassa integrazione». Gli accrediti in conto corrente - proseguono - non arriveranno ai lavoratori prima di maggio. Altro che metà aprile come auspica il premier. Ma le banche non ci stanno e dall'Abi (associazione bancaria italiana) arriva la replica: è tutto pronto per l'anticipazione dei trattamenti ordinari di cassa integrazione in deroga previsti dal Cura Italia; quasi il 94% (in termini di totale attivo) delle banche in Italia ha aderito alla convenzione.

LEGGI ANCHE Coronavirus, ecco le prime riaperture: altre possibili prima del 3 maggio

L'elenco è pubblicato sul sito dell'Abi. L'associazione inoltre segnale che, per semplificare l'erogazione dell'anticipo della cigo, si stanno utilizzando tutte le innovazioni messe a disposizione dall'Inps dal 6 aprile in tema di validazione dell'Iban, così come il database condiviso tra banche e Inps.

Secondo la Fondazione studi dei Consulenti del lavoro, però, le cose sono un po' più complicate. Un sondaggio tra 4.500 associati rivela che gli accordi con le banche non sono ancora operativi (83% degli interpellati) e quindi realisticamente prima di maggio non sarà accreditato un bel niente sui conti dei lavoratori in cig (ne è convinto il 91% degli intervistati). «Alcune banche richiedono l'esibizione del modello SR41 che viene predisposto solo dopo l'autorizzazione Inps. Eppure l'accordo ABI-parti sociali è nato proprio per accorciare i tempi» denunciano i consulenti. Tra l'altro a complicare il tutto c'è anche il fatto che molte filiali sono chiuse causa coronavirus. Nel Sud solo l'11% delle filiali è attiva, a fronte di una media nazionale del 17% (28% al Nord, 12% al Centro). A scontare «incredibili ritardi» non solo i piccoli ma anche i grandi istituti di credito, insistono i consulenti del lavoro che parlano di scarsa chiarezza delle procedure, eccessiva modulistica e scarsa preparazione delle banche a gestire lo strumento (16,5%) , oltre all'indisponibilità del datore di lavoro a firmare l'atto di benestare con assunzione dell'obbligo solidale (15,6%).

LEGGI ANCHE Ue, Gentiloni: «Abbiamo infranto un tabù, il Fondo da mille miliardi già in cantiere»

LE ISTANZE
I dipendenti costretti a casa dalle chiusure settoriali causa Covid-19 sono circa 5,6 milioni: per 4,5 milioni sono già state presentate le richieste di cassa integrazione e assegno ordinario. Proprio ieri l'Inps ha reso noto che sono arrivate per la cassa integrazione 198.000 domande da parte delle aziende che coinvolgono 2 milioni e 896.000 beneficiari, mentre per l'assegno ordinario sono arrivate 100.800 domande per 1 milione e 682.000 beneficiari. Secondo i consulenti per oltre la metà della platea interessata dagli ammortizzatori sociali c'è il rischio concreto che il pagamento relativo al sussidio del mese di aprile slitti a maggio. Al momento la cigo per l'emergenza Covid si può richiedere per un massimo di 9 settimane su tutto il territorio nazionale e per 13 settimane nelle regioni Lombardia, Veneto ed Emilia, ovvero le aree più colpite dalla diffusione del contagio.
 


Dovrebbero esserci meno problemi per quei lavoratori che riceveranno l'indennità di cig in busta paga come anticipazione dal datore di lavoro, che poi procede ad un conguaglio con l'Inps sui contributi dovuti. Anche se, pure in questo caso, molte aziende nonostante abbiano inviato la richiesta di cassa già da molti giorni, non hanno ricevuto l'autorizzazione dall'Inps e quindi potrebbero non riuscire ad anticipare il pagamento.

Ultimo aggiornamento: 14:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA