CORONAVIRUS

Coronavirus, app Immuni sarà sviluppata da Bending Spoons. Tra i soci anche Berlusconi Jr

Venerdì 17 Aprile 2020 di Rosario Dimito
Coronavirus e app Immuni. «Bending Spoons agisce esclusivamente per spirito di solidarietà e al solo scopo di fornire il proprio contributo volontario e personale, utile per fronteggiare l’emergenza coronavirus e per questo ha manifestato la volontà di concedere la licenza d’uso, aperta, gratuita e perpetua al Commissario straordinario Domenico Arcuri».

Bending Spoons è un'azienda italiana tech fondata da quattro amici, che hanno allargato il capitale a soci di rango, tra le prime nove al mondo davanti a giganti del web come Netflix e con una crescita progressiva a due cifre, che adesso va all'assalto del mercato Usa. Ai primissimi posti del pianeta per download di app, la startup italiana.

IL CONTRATTO


Nel decreto del contratto di concessione della licenza d’uso sul software di contact tracing, Arcuri evidenzia una delle ragioni della scelta del più grande sviluppatore di app per iOS in Europa fondato da Luca Querella, Francesco Patarnello, Luca Ferrari, Matteo Danieli, nel cui capitale figurano H14, (la vecchia Holding Italiana Quattordicesima, una delle cassaforti che controlla la Fininvest) oggi considerato family business dei tre figli di secondo letto di Silvio Berlusconi (Barbara, Eleonora, Luigi).

Fase 2, scelta l'app per tracciamento contagi: si chiamerà Immuni
Coronavirus, arriva Immuni, l’app di tracciamento. Bruxelles: ma niente geolocalizzazione

Non solo: nel libro soci ci sono un investitore asiatico come NUO Capital (holding della famiglia Cheng di Hong Kong, non nuovo a operazioni in Italia) e la StarTip, il veicolo di Tamburi Investments Partners dedicato alle partecipazioni in start up e realtà attive nel digitale. La nuova app è stata battezzata Immuni.
Il contact tracing o tracciatura dei contatti è una delle azioni di sanità pubblica utilizzate per la prevenzione e contenimento della diffusione di molte malarrie infettive. Ecco il decreto che Il Messaggero è in grado di pubblicare. Ultimo aggiornamento: 17:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA