GIUSEPPE CONTE

Autostrade, pressing per la revoca. E sulle concessioni è stangata Ires

Giovedì 5 Dicembre 2019 di Alberto Gentili
Autostrade, pressing per la revoca. E sulle concessioni è stangata Ires

I 5Stelle la fanno facile. Di buon mattino Luigi Di Maio emette la solita sentenza: «Toglieremo la concessione ad Autostrade». E il sottosegretario grillino ai Trasporti, Roberto Traversi, gli fa eco: «Entro l'anno il Consiglio dei ministri deciderà la caducazione della concessione, la pratica è in mano al premier Conte». Ma il Pd è molto più cauto. Non sul rigore con cui punire «gli eventuali responsabili». Ma sui tempi e sul metodo. Tant'è, che la ministra dem ai Trasporti, Paola De Micheli, alla Camera non esita a mettere a verbale: «Revoca entro l'anno? L'istruttoria è ancora in corso, il timing lo vedremo sulla base dell'attività che stiamo sviluppando. Io ci sto lavorando. In ogni caso si tratta di un procedimento amministrativo particolarmente complesso. Nessuna decisione è presa».

Prescrizione, tra M5S e Pd è muro contro muro. Di Maio: a gennaio riforma sarà legge

Autostrade: sorveglianza rete affidata ad Ati composto da società specializzate
 

I CRITERI
Insomma, «è la propaganda grillina, perché sono in difficoltà e cercano di recuperare la loro base», come dice un alto esponente dem, che va a sbattere contro il pragmatismo del Pd. C'è da dire che dopo il crollo del ponte di Genova e gli altri disastri emersi si presume innescati dalla scarsa manutenzione, anche il partito democratico comincia a valutare la revoca ad Autostrade. Prova ne sono le parole della De Micheli: «Non faremo sconti a nessuno, la decisione del governo sarà ispirata esclusivamente ai principi di legalità e di piena realizzazione dell'interesse pubblico». Ma, al contrario dei grillini, i dem sono molto più cauti. Per due diverse ragioni.
La prima è il timore di dover pagare ben 23 miliardi di penali ad Autostrade, se la revoca non fosse decisa su «solidissime basi giuridiche». Dal punto di vista legale, «la concessione è blindata», spiega un'autorevole fonte del Pd che segue il dossier, «è stata infatti inserita da Berlusconi nel 2008 in una legge e dunque serve un'altra legge per revocarla». La seconda ragione è che il Pd, prima di decidere, vorrebbe attendere la conclusione delle indagini sul crollo del ponte Morandi: «Con una vicenda giudiziaria non ancora chiusa, è poco saggio prendere decisioni. Si rischia un contenzioso durissimo e molto gravoso».

NUOVO RAPPORTO
Ciò detto, i dem sono però favorevoli a rivedere le concessioni dando più forza al pubblico rispetto ai concessionari privati, introducendo un nuovo rapporto tra investimenti e profitti, con un occhio particolare oltre che alle tariffe, anche ai controlli e alla manutenzione straordinaria. Così come auspicato dall'Autorità di regolamentazione dei trasporti.

Intanto però, nei confronti dei concessionari non solo autostradali ma anche di aeroporti, acque minerali, frequenze e così via si consolida un'offensiva sul fronte fiscale. Un emendamento al disegno di legge del Bilancio prevede infatti un'addizionale Ires di 3 punti per questi soggetti, che dovrebbe portare il prossimo anno un maggior gettito pari a 647 milioni, che scendono a 370 nei due anni successivi. L'aumento è retroattivo. Si tratta di una modifica sostanziale ad una norma già inserita nella versione originale del disegno di legge, con il quale veniva operata una stretta sugli ammortamenti dei beni gratuitamente devolvibili dei soli concessionari autostradali (essenzialmente gli stessi beni ricevuti in concessione).

L'incasso per il fisco era stimato in 341 milioni, destinati a diventare 170 nei due anni successivi. Quindi si tratta di un incremento per i prossimi tre anni, a cui corrisponde comunque una riduzione nei due anni successivi. La novità è stata già commentata negativamente da Assaeroporti, che parla di «balzello che va a gravare sulle imprese aeroportuali, deprimendone lo sviluppo e la competitività».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma