Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spread vola oltre quota 233. Borsa giù, crollano le banche

Spread vola oltre quota 233. Borsa giù, crollano le banche
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Maggio 2018, 08:33 - Ultimo aggiornamento: 18:21
Giornata da dimenticare per Piazza Affari, peggiore listino in Europa, sulle tensioni politiche che stanno agitando non solo il Bel Paese ma anche l'Europa ed i mercati finanziari. Dopo il fallimento di un governo M5S-Lega, il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha affidato a Carlo Cottarelli l'incarico per formare un governo di transizione fino a nuove elezioni.

L'Euro / Dollaro USA scambia sui livelli più bassi degli ultimi 6 mesi, riportando una variazione pari a -0,2%. Sessione debole per l'oro, che mostra un calo dello 0,24%. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), a 66,48 dollari per barile, in forte calo del 2,06%.

Lo spread tra Btp decennale e bund chiude in forte rialzo a 233 punti base dai 204 venerdì, sui massimi da fine 2013, con una tensione ancora più alta sulla scadenza a due anni che balza a 152 da 108 di venerdì. Il rendimento del Btp decennale, al 2,66%, supera il livello di guardia del 2,50% con il probabile voto anticipato dopo l'estate che fa presagire rischi politici ed alta instabilità.

Tra gli indici di Eurolandia Francoforte cede lo 0,58%, mentre Parigi registra una flessione dello 0,61%. Chiusa Londra assieme alla borsa di Wall Street, per festività.

Giornata nera per la Borsa di Milano, con l'indice FTSE MIB sotto i 22.000 punti. L'indice registra una discesa del 2,08% a 21.932 punti, proseguendo la serie di quattro ribassi consecutivi iniziata mercoledì scorso.

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 4,16 miliardi di euro, con un incremento di ben 1.324,8 milioni di euro, pari al 46,73%, rispetto ai precedenti 2,84 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 1,1 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,6 miliardi.

Su 222 titoli trattati in Borsa di Milano, 203 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 16. Invariate le rimanenti 3 azioni.

Andamento negativo a Piazza Affari su tutti i comparti. Offerte soprattutto le Banche (-4,09%), i Media (-3,06%) e i Servizi per la finanza (-3,01%).

Tra le Blue Chip male Fineco, che ha chiuso con un -7,22%. Seduta drammatica per Banca Generali, che crolla del 6,73%. Sensibili perdite per Banco BPM, in calo del 6,58%. In apnea Mediobanca, che arretra del 6,08%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Brunello Cucinelli (+1,12%) e Amplifon (+0,97%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Banca Ifis, che ha terminato le contrattazioni con un -9,22%. Tonfo di doBank, che mostra una caduta del 7,84%. Lettera su Credito Valtellinese, che registra un importante calo del 5,85%. Affonda Anima Holding, con un ribasso del 5,56%.
© RIPRODUZIONE RISERVATA