Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civitavecchia, il Pd chiede di intitolare una via a Giulio Regeni

Giulio Regeni
di Stefano Pettinari
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Luglio 2020, 12:34
"Intitoliamo una via della città a Giulio Regeni". La proposta arriva dal gruppo consiliare del Partito Democratico di Civitavecchia. I tre consiglieri democrat, Marina De Angelis, Marco Piendibene e Marco Di Gennaro, hanno presentato una mozione urgente alla presidente del consiglio comunale Emanuela Mari ed al segretario generale Pompeo Savarino, chiedendo appunto che il consiglio si esprima su questa proposta, aggiungendo di "inviare la pubblicazione della mozione all'attenzione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministro degli Esteri affinché anche la nostra cttà si possa aggiungere alle voci che chiedono alle Istituzioni un solenne impegno per raggiungere la verità e la conseguente giustizia".
Nella mozione i tre consiglieri Pd sottolineano come siano "trascorsi ormai più di quattro anni dal rapimento e dal barbaro assassinio del ricercatore italiano in Egitto Giulio Regeni e la sua morte è un mistero ancora al vaglio degli inquirenti. Il dottorando italiano dell' Università di Cambridge fu rapito il 25 gennaio 2016, giorno del quinto anniversario delle proteste di piazza Tahrir, e ritrovato senza vita il 3 febbraio successivo nelle vicinanze di una prigione dei servizi segreti egiziani".
"Crediamo che anche nella nostra Città sia importante legare un luogo alla memoria di Giulio Regeni e potremmo farlo attraverso un semplice voto di Consiglio Comunale che può, tuttavia, risultare molto significativo e di importante valenza simbolica. La proposta rappresenta non solo un gesto di rispetto verso una famiglia che chiede giustizia, ma anche e soprattutto un modo per tenere vivo nel tempo il ricordo di Giulio e della battaglia per la giustizia che il nostro Paese ha l'obbligo di portare avanti".

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA