Marco Conti
QUI MONTECITORIO di
Marco Conti

La pandemia, l’Europa
e il colpo mortale
ai sovranismi

Sabato 25 Aprile 2020 di Marco Conti
ROMA L’ala sovranista del M5S ieri si è contata risultando poca cosa. Almeno alla Camera dei deputati. Poca cosa i sette dissenzienti, se si considerano i numeri che ha a Montecitorio il Movimento. Sull’utilizzo o meno del Mes il dibattito prosegue in attesa che l’annunciata assenza di condizioni venga posta nel regolamento. Così come prosegue la trattativa per il Recovery Found. I tempi non saranno brevissimi, ma la proposta francese, sostenuta da Italia, Spagna e altri otto paesi, è passata. Si comincia a delineare per la prima volta, nella storia della Comunità europea, una forma di solidarietà che va oltre la politica degli zero-virgola. Il fatto che non si chiameranno eurobond ma recoverybond, poco rileva. La pandemia sta mandando in crisi anche le economie più attrezzate e nelle popolazioni dei Ventisette paesi dell’Unione cresce la consapevolezza dell’interdipendenza delle economie e dei sistemi di vita. 

Un colpo mortale ai sovranismi e a tutti coloro che volevano far credere, prima del Covid19, che sarebbe bastato chiudere le frontiere per stare meglio o che ora immaginano che una bevuta di candeggina possa sconfigger il virus. Il tramonto di coloro che propongono risposte facili e illusorie a problemi complessi, inizia ad essere sin troppo evidente. Ultimo aggiornamento: 12:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA