Bolivia, tre bambini si fanno mordere da una vedova nera per diventare l'Uomo Ragno

Giovedì 28 Maggio 2020 di Giampiero Valenza
Bolivia, tre bambini si fanno mordere da una vedova nera per diventare l'Uomo Ragno

Suggestionabili all'inverosimile, tre bambini si sono fatti mordere da una vedova nera credendo di diventare l'Uomo Ragno. E' accaduto in Bolivia e i tre di 12, 10 e 8 anni sono stati superfortunati: non sono diventati supereroi, ma almeno non sono morti come era lecito attendersi dopo l'incontro con il ragno. A raccontare l'episodio è stato il responsabile epidemiologico del ministero della Salute boliviano, Virgilio Pietro, durante uno dei suoi ultimi report quotidiani sul coronavirus nel Paese.

Ragno vedova nera punge un 50enne in giardino a Barletta
Vicenza, ragno coreano spunta dalle casse di un tir: spavento in azienda
Aosta, ragno violino morde paziente in ospedale. L'assessore alla sanità: «Reparto pulito»
Ragazza morsa da ragno violino mentre prende il sole finisce in ospedale a Collecchio

I bimbi, di Chayanta, un paese di 15.000 abitanti a circa 370 km dalla capitale governativa, La Paz, erano andati in un campo a prendersi cura delle capre.

I tre avevano trovato un piccolo ragno nero sulla strada, piccolo, ma una vedova nera, e hanno hanno cercato di sperimentare se fosse vero il racconto del loro eroe a fumetti, che ha ottenuto i superpoteri dopo aver avuto il morso del ragno.
 

 
 

Prima è stato morso il più grande dei tre, che lo aveva stuzzicato con un bastone. Poi l'altro e, infine, il più piccolo.  I sintomi dell'avvelenamento si sono subito fatti sentire. La mamma li ha subito portati nel centro sanitario di Chayanta. Poi, visto che i tre non miglioravano, sono strati trasferiti nell'ospedale di Llallagua. La situazione, però, si è complicata. Così sono stati trasferiti all'ospedale pediatrico della Paz, con dolori muscolari, sudorazione, febbre e tremori generali. Si sono salvati per un soffio, grazie all'efficacia del siero antiveleno.

Secondo quanto racconta Telemundo, il funzionario ha raccontato l'episodio come un insegnamento per i genitori, in modo che "stiano attenti", poiché "per i bambini tutto è reale, i film sono reali, i sogni possono essere reali e sono la nostra illusione per tutta la vita".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani