Bolivia, tre bambini si fanno mordere da una vedova nera per diventare l'Uomo Ragno

Bolivia, tre bambini si fanno mordere da una vedova nera per diventare l'Uomo Ragno
di Giampiero Valenza
3 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Maggio 2020, 13:17

Suggestionabili all'inverosimile, tre bambini si sono fatti mordere da una vedova nera credendo di diventare l'Uomo Ragno. E' accaduto in Bolivia e i tre di 12, 10 e 8 anni sono stati superfortunati: non sono diventati supereroi, ma almeno non sono morti come era lecito attendersi dopo l'incontro con il ragno. A raccontare l'episodio è stato il responsabile epidemiologico del ministero della Salute boliviano, Virgilio Pietro, durante uno dei suoi ultimi report quotidiani sul coronavirus nel Paese.

Ragno vedova nera punge un 50enne in giardino a Barletta
Vicenza, ragno coreano spunta dalle casse di un tir: spavento in azienda
Aosta, ragno violino morde paziente in ospedale. L'assessore alla sanità: «Reparto pulito»
Ragazza morsa da ragno violino mentre prende il sole finisce in ospedale a Collecchio

I bimbi, di Chayanta, un paese di 15.000 abitanti a circa 370 km dalla capitale governativa, La Paz, erano andati in un campo a prendersi cura delle capre.

I tre avevano trovato un piccolo ragno nero sulla strada, piccolo, ma una vedova nera, e hanno hanno cercato di sperimentare se fosse vero il racconto del loro eroe a fumetti, che ha ottenuto i superpoteri dopo aver avuto il morso del ragno.
 

 
 

Prima è stato morso il più grande dei tre, che lo aveva stuzzicato con un bastone. Poi l'altro e, infine, il più piccolo.  I sintomi dell'avvelenamento si sono subito fatti sentire. La mamma li ha subito portati nel centro sanitario di Chayanta. Poi, visto che i tre non miglioravano, sono strati trasferiti nell'ospedale di Llallagua. La situazione, però, si è complicata. Così sono stati trasferiti all'ospedale pediatrico della Paz, con dolori muscolari, sudorazione, febbre e tremori generali. Si sono salvati per un soffio, grazie all'efficacia del siero antiveleno.

Secondo quanto racconta Telemundo, il funzionario ha raccontato l'episodio come un insegnamento per i genitori, in modo che "stiano attenti", poiché "per i bambini tutto è reale, i film sono reali, i sogni possono essere reali e sono la nostra illusione per tutta la vita".

© RIPRODUZIONE RISERVATA